/ Cronaca

Cronaca | 13 luglio 2020, 07:29

Imperia: grido d’allarme della Uil Penitenziari "Il carcere è al collasso, quasi 100 detenuti e pessima direzione”

Pagani: “Polizia Penitenziaria impiegata in turni massacranti (circa 9 ore continuative) e popolazione detenuta che tocca quota 100. Esauriti tutti i posti letto”.

Imperia: grido d’allarme della Uil Penitenziari "Il carcere è al collasso, quasi 100 detenuti e pessima direzione”

“Il cercare di Imperia è al Collasso”: questo il grido d’allarme di Fabio Pagani, segretario regionale della Uil Penitenziari, dopo la ricezione del dato, rilevato stamani alle 7, secondo il quale la casa circondariale imperiese conta 98 detenuti presenti su una capienza massima regolamentare di 68.

“L’istituto non ha più un posto disponibile – prosegue – e, a questo si aggiungono i turni massacranti della Polizia Penitenziaria, che viene impiegata con turno di circa 9 ore continuative senza mangiare. Non è possibile che il personale viva questo stato di abbandono e, proprio per questo, abbiamo appena scritto al capo del Dap, Petralia, affinchè la telefonata di conforto all’agente che ha salvato la vita ad un detenuto, abbia un seguito. Abbiamo scritto anche al Prefetto di Imperia, perché è arrivato il momento che le Istituzioni si attivino, assumendosi per competenza le responsabilità, prima che sia troppo tardi”.

“Se queste condizioni dovessero permanere – termina Pagani - é a rischio la sicurezza dell’istituto e della stessa città. Senza dimenticare quel reparto ‘interrato’, aperto durante la pandemia Covid, sempre più misterioso e insicuro”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium