/ Sport

Sport | 27 settembre 2022, 20:10

Sanremese, Giannini amareggiato:" Dobbiamo creare quindici occasioni per fare gol. Agli avversari ne basta mezza"

"E' un gioco bastardo" sottolinea il tecnico al quale fanno eco Demis Maugeri, autore di un bellissimo gol, e Alessio Rizzo, tra i protagonisti del match con due traverse colpite e un rigore procurato

Sanremese, Giannini amareggiato:" Dobbiamo creare quindici occasioni per fare gol. Agli avversari ne basta mezza"

Due punti in due partite casalinghe, praticamente identici nella sostanza ma non nella forma. Lasciano comunque un grande rammarico nello spogliatoio della Sanremese, come sottolineato con colore da Mister Giannini:" Questo è un gioco bastardo: per segnare abbiamo dovuto creare quindici palle-gol e abbiamo subito su una mezza occasione, con la palla che carambola sulla schiena dell'avversario." Riassunto perfetto. 

Comincia a mancare la cattiveria in zona-gol. In questi due 1-1 è calcata la firma del centrocampista Demis Maugeri che, anche oggi, ha firmato una rete spettacolare dalla distanza. Peraltro i primi 20 minuti di appannamento sono coincisi con la sua assenza dal campo. Ma, al di là del rigore sbagliato, anche oggi si contano almeno cinque occasioni evidenti non sfruttate e che hanno esaltato le doti di Tota, migliore in campo. A proposito del reparto offensivo, Camilli ha incassato la terza panchina di fila: dopo un ottimo prestagione, ha accusato una preoccupante involuzione. Il gol sarebbe risolutorio, facile a dirsi...

Alla sfortuna ed alla mancanza di cinismo si aggiunge anche il terreno di gioco: le sue condizioni sono pessime. Un 'fungo' pare abbia colpito il prato del 'Comunale' in estate e, ad oggi, si presenta colmo di buche e chiazze di terra, qua e là. Sicuramente un fattore per gli atleti che vogliono liberarsi subito della palla dai piedi, impauriti da imprevedibili rimbalzi , e che non riescono ad essere fluidi nelle loro trame. 

Da tenere conto anche per il discorso infortuni. Il piede del terzino William Mauro si è piantato proprio in una buca, contorcendo il ginocchio e obbligando la sostituzione dopo 13 minuti: nel post-partita, nello spogliatoio aleggiavano pensieri poco fiduciosi sull'infortunio. Se il periodo di pausa forzata dovesse risultare prolungato, la Sanremese si troverebbe senza i due terzini titolari (entrambi classe 2003) considerando anche il k.o. di Fischer. Maglione abbassato sulla linea di difesa può essere una toppa - ma non la soluzione - e dunque la dirigenza biancoazzurra dovrebbe tornare presto sul mercato. 

Anche per questo, la 'Sanre' si sta dimostrando squadra da trasferta come evidenziano le belle vittorie di Sestri Levante e Legnano. Tra i problemi da risolvere c'è anche lo '0' alla casella dei clean sheets; anche se, come già avvenuto contro il Bra, la fattispecie del gol subito è apparsa piuttosto episodica. Anzi, anche oggi, capitan Bregliano ha sciorinato una prestazione mostruosa: ciliegina la galoppata da centometrista con la quale prima ha distrutto lo schema della Castanese, da corner, e poi è andato a chiudere il triangolo con Aperi, al limite dell'area ospite, procurandosi la superiorità numerica. 

Nel post-partita, hanno parlato anche Demis Maugeri (sempre più importante nello scacchiere di Giannini) ed Alessio Rizzo, alla prima maglia da titolare in bianco-azzurro. Dapprima partito in sordina, il catanese si è reso protagonista di alcune importanti occasioni come i due legni colpiti ed il rigore procurato. Proprio sul penalty, che ha generato molte polemiche tra le fila lombarde, il trequartista propone un'analisi molto onesta:" Sono stato bravo a cercarlo ma ho visto fischiare rigori peggiori."
A proposito della direzione di gara, intorno al novantesimo manca un rosso a Boccadamo per un brutto intervento su Aperi. 

 

Alberto Ponte

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium