/ Eventi

Eventi | 16 settembre 2021, 08:47

Ventimiglia: nasce l'idea dell'Antico Sentiero della Lavanda in collaborazione con Airole e Olivetta San Michele

Tre località unite oltre che dal fiume Roya, anche dalla linea ferroviaria Ventimiglia-Cuneo, infrastruttura conosciuta nel mondo e votata come ‘Luoghi del Cuore Fai’ del 2020.

Ventimiglia: nasce l'idea dell'Antico Sentiero della Lavanda in collaborazione con Airole e Olivetta San Michele

L'estremo ponente ligure, per le sue caratteristiche ambientali, si conferma essere una meta ideale del viaggiatore che si orienta verso vacanze all’aria aperta e sceglie il turismo rurale. L’idea del ‘Antico Sentiero della Lavanda’ nasce da una collaborazione tra Elevation Club, anima outdoor di Confesercenti Imperia ed i Comuni di Airole, Ventimiglia ed Olivetta San Michele.

Tre località unite oltre che dal fiume Roya, anche dalla linea ferroviaria Ventimiglia-Cuneo, infrastruttura conosciuta nel mondo e votata come ‘Luoghi del Cuore Fai’ del 2020. Un’intesa comune per creare nuove sinergie, soprattutto in questo momento particolare dovuto all’isolamento sia stradale che ferroviario della Val Roya. L'Antico Sentiero della Lavanda ci racconta una storia antica che profuma di lavanda, una tradizione secolare delle nostre Alpi Marittime e Alpi Liguri e che si snoda su antiche mulattiere che nella tradizione ligure erano percorse da contadini e commercianti aiutati da asini e muli,luoghi ove oggi viene coltivata ancora la lavanda.

Un’idea che si innesta sulle nuove tendenze del turismo esperienziale e si propone di valorizzare il ‘potenziale outdoor’ dei borghi dell'entroterra della valle Roya e Bevera, offrendo nello stesso tempo più visibilità al patrimonio storico-ambientale del territorio e nuova linfa alle attività economiche. Punto di forza di questo progetto, il fil rouge che unisce, è la ‘Ferrovia delle Meraviglie’ che attraversa le Valli Roya e Bevera e traccia una linea di congiunzione tra la costa e le Alpi, un valore aggiunto per un progetto turistico dedicato all’outdoor con una mobilità dolce e slow (lenta).

Il treno sarà protagonista, discreto e silenzioso, a disposizione dei bikers o dei camminatori ad ogni tappa. Il progetto prevede sulle tracce di un antico cammino pubblico, la creazione di un nuovo percorso outdoor, permettendo un nuovo collegamento diretto che scollinando a piedi, in bike o su un mulo, unirà le Valli del Bevera, del Roya e utilizzando la modalità di mobilità ‘treno & bici’, collegherà il basso Piemonte attraverso la Val Roya francese. Il nuovo circuito ciclo-pedonale non ha un punto preciso di partenza , ma tante occasioni di un immergersi nella natura, con base le stazioni ferroviarie di Bevera, Airole, Olivetta San Michele.

Il progetto prevede oltre al bike un servizio di trekking someggiato, per un’esperienza di condivisione ed empatia con gli animali. Il percorso principale si divide in 5 itinerari:
• Dalla stazione ferroviaria di Bevera (Ventimiglia) fino a Monte Pozzo
• Da Monte Pozzo alla Frazione di Collabassa (Airole)
• Dalla frazione Collabassa al borgo di Olivetta San Michele

Ad Olivetta San Michele partono due tratti:
• Stazione ferroviaria - lungo Rio Tron
• Olivetta SM - Fanghetto - Airole (sentiero Breil-Airole).

Sul tratto Fanghetto-Airole ci sarà una deviazione verso la stazione ferroviaria di Airole.

Il progetto prevede a servizio dell'Antico Sentiero della Lavanda di realizzare nelle tre stazioni ferroviarie di Bevera, Airole e Olivetta SM centri informativi (hub in inglese), di servizi diffusi per info e assitenza dei viandanti, attrezzate con colonnine elettriche per la ricarica delle E-Bike, prima assistenza meccanica per le bici. All'interno degli hub, troveranno prime info turistiche, mappe e una guida interattiva, e una rete di servizi, di accompagnatori, noleggio bici d spazi espositivi e di vendita dei prodotti tipici.

Ad Airole l'immobile di proprietà comunale  sarà recuperato e creata  una nuova struttura-ricettiva outdoor (Ostello della Lavanda), ripristinata una nuova fermata ferroviaria sulla linea Ventimiglia-Cuneo. Il progetto, già depositato in Regione, attende un congruo finanziamento pubblico.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium