/ Attualità

Attualità | 13 luglio 2021, 13:54

Maria Teresa Verda Scajola, Lucia Baudo e Dino Durando nel Cda della Fondazione 'Riviera dei Fiori Onlus'

Per quanto riguarda il bilancio 2020, la Fondazione Riviera dei Fiori Onlus, che quest'anno compie 15 anni (è stata costituita il 27 novembre 2006), nel passato esercizio ha avuto uscite per 29.800 euro ed entrate per 32.961, per cui l'avanzo è risultato di 3.581 euro.

Maria Teresa Verda Scajola, Lucia Baudo e Dino Durando nel Cda della Fondazione 'Riviera dei Fiori Onlus'

Il consiglio di amministrazione uscente della Fondazione comunitaria della Riviera dei Fiori Onlus, all'unanimità, ha approvato il bilancio 2020 e designato i tre componenti che faranno parte del nuovo cda.

I tre designati sono Maria Teresa Verda Scajola, Lucia Baudo e Dino Durando. Per tutti e tre si tratta di una conferma. Gli altri componenti del prossimo consiglio di amministrazione sono (tra parentesi il soggetto designante): Rodolfo Bosio (Fondazione Compagnia di San Paolo), Giovanna Calvi Carli (Camera di commercio delle Riviere di Liguria), Marco Canova (persona fisica che più ha donato nella consigliatura), Paolo Curti (Provincia di Imperia), Antonio Federico (Vescovo di Ventimiglia-Sanremo), Matteo Lupi (Csv Polis-Centro servizi per il volontariato Ponente Ligure solidale), Michele Ricci (Vescovo di Albenga-Imperia).

I nuovi componenti sono Paolo Curti e Antonio Federico. Confermato è stato anche il revisore unico Mauro Picerno (Provincia di Imperia). Nella sua prima riunione, il nuovo Consiglio di amministrazione sarà chiamato a eleggere il presidente e i due vice presidenti.

Per quanto riguarda il bilancio 2020, la Fondazione Riviera dei Fiori Onlus, che quest'anno compie 15 anni (è stata costituita il 27 novembre 2006), nel passato esercizio ha avuto uscite per 29.800 euro ed entrate per 32.961, per cui l'avanzo è risultato di 3.581 euro. Ha deliberato contributi per 18.000 euro (12.000 a favore di 30 anziani poveri e soli e 4.500 euro per 18 altri soggetti svantaggi con gravi difficoltà economiche immediate). Ha ricevuto donazioni per 18.828 euro (i maggiori benefattori sono stati la Curia di Ventimiglia-Sanremo, la Biesse di Bussana, la Banca di Caraglio e il Centro Ascolto Caritas di Sanremo).

Al 31 dicembre 2020, la Fondazione, che persegue esclusivamente fini di solidarietà sociale a beneficio della comunità della provincia di Imperia, promuovendone e sostenendone lo sviluppo, ha  tra i suoi beni patrimoniali un grande uliveto a Ceriana, ripristinato dopo un rovinoso incendio e una tenuta agro-floricola a Taggia. I principali settori di intervento della Fondazione sono quelli della beneficenza, dell'assistenza sociale e socio-sanitaria, della tutela e valorizzazione sia del patrimonio storico e artistico sia ambientale.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium