/ Politica

Politica | 10 gennaio 2021, 11:46

Ventimiglia, crisi idrica del fiume Roya, Scibilia: "Il ruolo di Di Muro è stato determinante"

"Grazie al suo lavoro e al suo impegno il dossier è arrivato direttamente ai Ministeri dell’Ambiente e degli Esteri, diventando così una problematica internazionale”

Sergio Scibilia

Sergio Scibilia

“Desidero ringraziare sentitamente il deputato ventimigliese on. Flavio Di Muro per l’impegno profuso in merito alla crisi idrica del fiume Roya, ancora in corso a seguito della tempesta Alex”. A dirlo è Sergio Scibilia, Presidente della società AIGA, che continua: “A seguito del nostro appello pubblico di richiesta di aiuto rivolto alle istituzioni per richiedere un intervento superiore e diretto dello Stato Italiano a fronte di un fenomeno ambientale eccezionale di gravissima entità che ha ridotto improvvisamente le falde acquifere del fiume Roya, bacino internazionale che alimenta numerose città italiane e francesi, abbiamo avuto l’importante intervento ed il sostegno del on Di Muro. Grazie al suo lavoro e al suo impegno il dossier è arrivato direttamente ai Ministeri dell’Ambiente e degli Esteri, diventando così una problematica internazionale”.

“Non possiamo permetterci di arrivare nella prossima estate in queste condizioni - continua Scibilia - con il fiume non a regime normale e in queste condizioni. Servono due fasi di studio da parte di specialisti del settore. Le cause della creazione di questo ‘materasso’ che impedisce l’approvigionamento delle falde. Una soluzione per la eliminazione e ripristino della normalità.
Un ulteriore ringraziamento al consigliere regionale avv. Riolfo Mabel per aver coinvolto il Presidente della Giunta Toti. La sensazione peggiore di quei giorni di crisi è stata l’impotenza dell’uomo davanti alla natura.
Oltre al peso della responsabilità della società AIGA che si è trovata ‘sola’ ad affrontare la più brutta crisi idrica degli ultimi 70 anni, senza il necessario supporto tecnico dal nostro socio Iren che ha preferito rimanere alla finestra e disinteressarsi della grave questione.
Per fortuna sono intervenuti i cugini francesi della Carf (agglomerazione di sindaci) la società Veolia, il prefetto per la ricostruzione Pelletier Xavier, trattandosi di un sito transfrontaliero. Una collaborazione tra i due Stati potrà trovare definitive soluzioni".
"Il ruolo del deputato del territorio - conclude il Presidente di AIGA -, in questo caso, è stato determinante per non lasciare il ponente ligure e parte della Costa Azzurra a secco. Grazie on. Di Muro“.

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium