/ Sport

Sport | 04 settembre 2020, 07:25

San Bartolomeo al Mare: la leggenda del basket Aldo Ossola ha incontrato i giovani cestisti locali

Una lezione di sport di altri tempi, con valori come entusiasmo, impegno, spirito di squadra che solo chi ha vissuto in quei tempi può insegnare ai giocatori del futuro, e per capire che nella storia ci sono stati campioni, e persone, come Aldo che è utile conoscere.

San Bartolomeo al Mare: la leggenda del basket Aldo Ossola ha incontrato i giovani cestisti locali

Nei giorni scorsi, al campo di basket a San Bartolomeo al Mare, c’è stato un incontro particolare tra cestisti di generazioni diverse. I piccoli del Blue Ponente Basket hanno avuto l'occasione di conoscere Aldo Ossola, anche se i bambini non sapevano chi fosse.

Alcuni numeri per far loro capire: 7 scudetti, 4 Coppe Italia, 5 Coppe dei Campioni consecutive (in 10 finali di coppe europee consecutive), una Coppa delle Coppe, 2 Coppe Intercontinentali, una Olimpiade, una medaglia di bronzo agli europei.

"In quale squadra giocavi?" è stata la prima domanda dei piccoli cestisti "In una delle squadre che hanno fatto la storia del basket italiano: l'Ignis Varese, con compagni eccezionali come Bob Morse (gli ho visto fare, per scherzo in un riscaldamento, 50 canestri consecutivi da lontano!) e Dino Meneghin".

Come hai iniziato a giocare? "Per caso. All'oratorio giocavo a calcio, mi ammalai di tifo, diventai parecchi centimetri più alto improvvisamente e mi dissero che ero troppo alto per giocare a calcio, di andare a giocare a pallacanestro".

Ma qual è il segreto per vincere così tanto? "Divertirsi, impegnarsi tanto e soprattutto essere una squadra unita. Noi eravamo sempre insieme, prima e dopo gli allenamenti, amici veri”.

Poi si sono svolti alcuni esercizi insieme ai bambini, soprattutto di palleggio (lui è stato uno dei più grandi play-maker italiani) e di passaggio: “Io amavo soprattutto passare la palla, fare gli assist, più che fare i canestri, anche perchè avevo compagni che facevano sempre canestro!".

Una lezione di sport di altri tempi, con valori come entusiasmo, impegno, spirito di squadra che solo chi ha vissuto in quei tempi può insegnare ai giocatori del futuro, e per capire che nella storia ci sono stati campioni, e persone, come Aldo che è utile conoscere.  

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium