/ Calcio

Calcio | 27 settembre 2019, 18:00

Calcio. Dalla provincia agli USA, il sanremese Federico Cugge spopola oltreoceano: "Esperienza unica e stimolante"

Intervista con l'ex attaccante di Ancona e Imperia, in forza al Niagara University, nello stato di New York. Con un sogno: l'approdo in MLS

Federico Cugge in azione con la maglia del Niagara University

Federico Cugge in azione con la maglia del Niagara University

Il sanremese Federico Cugge spopola negli Stati Uniti ed è protagonista con la maglia del Niagara University, nello Stato di New York dove è già stato decisivo in qualche partita.

Il sogno MLS. Abbiamo raggiunto l'ex attaccante dell'Imperia, che ci ha esternato le sue emozioni e sensazioni in una situazione dove Cugge può bilanciare lo studio con il calcio.

Federico, come ti trovi nella tua nuova esperienza americana? "Nella mia nuova esperienza americana mi trovo molto bene. Essere qua è una cosa molto stimolante, soprattutto stare a contatto con una lingua che conosci poco e nel dover affrontare la giornata con persone che non parlano la tua lingua: è un'esperienza unica".

Sei già stato decisivo segnando anche: a chi dedichi questo momento magico? "Sì, sono stato decisivo nella partita contro il North Kentucky. Dedico questo momento positivo a me stesso e alla mia forza di volontà, perchè l'ho tutto questo l'ho cercato e l'ho voluto. Sto realizzando un sogno con lo studio accademico che sto affrontando, oltre a continuare la mia passione e restare nel mondo del calcio. E' tutto molto stimolante, perchè qui puoi convogliare il calcio con l'Università, una cosa che in Italia non puoi fare". 

Ci sveli quali differenze ci sono dal calcio USA a quello nostro? "Qua il calcio è molto più fisico che in Italia. La cosa che mi ha stupito è il fatto di vedere molti giocatori internazionali, dove ogni squadra ne ha almeno la metà. Noi in rosa abbiamo tanti portoghesi, ma ci sono anche inglesi, francesi e sudamericani nelle altre compagini del campionato, che equivale alla Serie B italiana". 

Com'è il Federico Cugge calciatore targato states? "Mi hanno cambiato mansione in campo, ora svolgo il ruolo di centrocampista, mezzala e a volte nei secondi tempi sono spostato in attacco. M in partenza parto sempre come centrocampista offensivo: probabilmente è la tattica italiana che si fa valere anche qui in America".

Qual'è il tuo obiettivo futuro calcisticamente parlando? "In futuro spero di andare più avanti possibile. Qua nella MLS ci sono più possibilità, perchè la visione sul college è ampia". 

Ti rivedremo sui campi italiani? "Nel calcio tutto è possibile e nulla è prevedibile, quindi potrei anche non escludere un giorno un mio ritorno a livello calcistico in Italia. Ora penso solo a lavorare sodo".

Riccardo Aprosio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium