/ Eventi

Eventi | 15 agosto 2019, 11:21

Sanremo: al Santuario della Madonna della Costa la cerimonia per l'Assunta con i nuovi 'Consoli del Mare' (Foto)

Alla presenza del vice Sindaco Alessandro Sindoni, dell'Assessore regionale Gianni Berrino e degli Assessori Pireri e Ormea, la cerimonia è stata officiata dal Vescovo della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo, Mons. Antonio Suetta.

Sanremo: al Santuario della Madonna della Costa la cerimonia per l'Assunta con i nuovi 'Consoli del Mare' (Foto)

Dopo la cerimonia di ieri sera in piazzale Vesco, solenne cerimonia questa mattina al Santuario della Madonna della Costa per la festività dell'Assunta e l'investitura dei due nuovi 'Consoli del Mare' di Sanremo.

Alla presenza del vice Sindaco Alessandro Sindoni, dell'Assessore regionale Gianni Berrino e degli Assessori Pireri e Ormea, la cerimonia è stata officiata dal Vescovo della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo, Mons. Antonio Suetta. Presenti in chiesa le massime autorità militari e gli esponenti della Famija Sanremasca, hanno ricevuto l'onorificenza Franco Ranciaffi e Davide Bonazinga.

In occasione del Pontificale che si è celebrato stamattina al Santuario della Madonna della Costa nella solennità dell'Assunzione di Maria al cielo, il Vescovo di Ventimiglia Sanremo ha detto nell'omelia: "L'Assunzione di Maria ci richiama la realtà della corruzione a cui tutti noi esseri umani siamo soggetti per la nostra fragilità. La corruzione che in definitiva è la morte. Maria, capolavoro di Dio, è stata sottratta a questa corruzione e in anima e corpo è stata portata a contemplare il Figlio nella gloria del Paradiso. Oggi noi assistiamo a un continuo e incessante lavoro finalizzato a contenere nella nostra vita gli effetti della corruzione fisica e del tempo su di noi. Pensiamo all'industria dei cosmetici e della bellezza, pensiamo alle strutture che curano la prestanza fisica del corpo contro i segni di invecchiamento. Ma io vorrei dire che non basta curare i sintomi, se non si interviene sulle cause. La corruzione fisica può essere vinta solo grazie alla presenza e all'azione di Dio nella nostra vita. È lui che può mantenere la freschezza del nostro spirito e ci offre la prospettiva dell'immortalità e della vita eterna. Alla corruzione fisica si aggiunge la corruzione morale, che vediamo dilagare nel nostro mondo a tutti i livelli. Oggi viviamo in una società in cui, per dirla con Manzoni, si esalta il vizio e si deride la virtù. I cristiani sono il popolo che appartiene a Cristo e che può contrastare la mentalità del mondo per affermare un modello più alto del vivere. Il Magnificat di Maria è il canto della lode a Dio che rovescia i potenti dai troni e innalza gli umili, ricolma di beni chi ha fame e rimanda i ricchi con le mani vuote. L'Assunzione di Maria al cielo ci richiama alla speranza della nostra fede, e ci sostiene nel cammino terreno, consentendoci di tenere fisso lo sguardo sulle realtà celesti. In questo modo ogni cosa prende il proprio posto e la propria misura. Nella prospettiva dell'eternità e dell'eterna vittoria dei giusti". 

La carica onorifica di Console del Mare rammenta l’antica magistratura affidata dalle autorità comunali a cittadini competenti di commercio marittimo e di tecnica navale e portuale. Essi avevano anche il compito di intervenire nelle liti tra marinai e patroni di navi e tra questi ultimi ed i proprietari del carico nonché decidere circa le controversie sorte in caso di naufragio o atti di pirateria per la perdita totale o parziale del carico. Una funzione quella dei Consoli delicata ed essenziale tenuto conto che il porto, in mancanza di agevoli comunicazioni via terra, era la primaria fonte di traffici e l’unico mezzo per consegnare i principali  prodotti dell’attività agricola: agrumi e foglie di palma. Il porto quindi, sorvegliato e controllato dai Consoli del mare, fu il vero ed unico centro di attività e fonte di ricchezza dai tempi poco posteriori all’anno Mille, sino ad oltre la metà del secolo XIX.

Franco Ranciaffi è nato a Sanremo il 6 novembre del 1955. Diplomato ragioniere e perito commerciale ha svolto la ‘Leva’ per 20 mesi in Marina a Spezia prima e, quindi, a La Maddalena ed imbarcato su Nave Basento per 10 mesi. Ranciaffi è il delegato responsabile dell’associazione nazionale ‘Marinai d’Italia’. Conferenzierie dell’Anmi, alla mostra ‘100 anni dalla Vittoria’ ha presentato un saggio sui 15 marinai sanremaschi caduti nel corso della prima Guerra Mondiale. Nel 2004 ha fondato la società sportiva ‘Sanremo Runners’, che ha dato 4 atleti alle nazionali. Ranciaffi è anche pubblicista.

Daniele Bonazinga è nato a Sanremo il 21 settembre 1954. Diplomato al Nautico si Imperia (al tempo era sezione distaccata del ‘Pancaldo’ di Savona), ha svolto la ‘Leva’ in Marina ad Ancona, Roma e Venezia, imbarcandosi anche sulla Corvetta ‘Sfinge’. Ha poi iniziato la carriera da ufficiale della Marina Mercantile nella ‘Navigazione Alta Italia’ del gruppo Mantovani. Ha navigato sulla ‘Nai Superba’ di 400mila tonnellate, una delle più grandi navi dell’eoca e conseguendo la patente di Capitano di Lungo Corso. E’ poi passato sulla americana ‘Chevron’, navigando in tutto il Mondo. E’ socio della Lega Navale di Sanremo e si occupa di corsi di vela per diversamente abili.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium