Leggi tutte le notizie di IL PUNTO DI CLAUDIO PORCHIA ›

IL PUNTO DI CLAUDIO PORCHIA | 14 settembre 2019, 15:11

Dall’Airone ai Lupi, dalle Lumache alle Tartarughe, quando la politica diventa una fattoria.

Viaggio alla scoperta della relazione fra politica e mondo animale: tanti uccelli, pochissimi pesci nel Ponente ligure (Prima puntata)

Dall’Airone ai Lupi, dalle Lumache alle Tartarughe, quando la politica diventa una fattoria.

“L'uomo è un animale politico” diceva Aristotele e Machiavelli consigliava al Principe di essere insieme "volpe" e "leone": una metafora efficace per affermare che in politica si deve usare l'astuzia e la forza.

Nella politica ponentina non ci sono leoni e nemmeno volpi e anche le metafore zoologiche sono in linea con l’andamento generale di una provincia, che gioca in serie B con l’unica speranza di non retrocedere ancora.

Non ci sono caimani o giaguari e neppure falchi e gufi, la politica è una piccola e molto “vecchia fattoria” piena di animali strani, perennemente in lite fra di loro sul confine incerto fra la tragedia e la comicità

 

La politica ha il passo della lumaca, come quello dei treni regionali, l’assessore lo sa, anche se le lumache le preferisce in padella…

 

La tartaruga è il simbolo di una politica dei piccoli passi, quella della calma e della pazienza, che consentono di raggiungere traguardi importanti e battere la velocissima lepre. Una favola scritta da Esopo molto tempo fa, ma sempre attuale come insegna Ventimiglia.

 

Mancano dalla scena politica attiva i grillini, ma non ci facciamo mancare il grillo parlante

 

La città dei fiori è turisticamente divisa fra continuare ad essere Cicala, continuando a cantare senza alcuna preoccupazione del futuro, o diventare più modestamente Formica e impegnarsi finalmente per affrontare le difficili sfide dei prossimi anni.

Nella fattoria ci sono tanti uccelli, in attesa dell’arrivo di quaglie, di struzzi, gazze ladre e anatre zoppe,

nella voliera troviamo chi fa la cornacchia e prevede una breve durata al governo Conte-bis

Taggia si pavoneggia perché è  uno dei borghi più belli d'Italia e tanto basta per essere felici

 

C’è chi vorrebbe sentirsi Airone e fuggire dietro alle vele d’epoca verso Monaco, lasciando i mille problemi della città

 

e invece è costretto a combattere con i Lupi, che trovano la felicità nella birra e non amano l’olio

Nella fattoria ponentina è praticamente assente la fauna ittica.

Scomparsa la balena bianca e in mancanza di “delfini”, con un’opposizione sempre più “ombrina”, troviamo consolazione nelle iniziative politiche del governatore Toti che viaggiano al passo del Gambero.

Infine c’è chi soffre d’insonnia e usa la tecnologia moderna per contare il suo gregge…

Fine prima puntata....

 

tiziano Riverso e Claudio Porchia

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

giovedì 05 dicembre
mercoledì 27 novembre
venerdì 22 novembre
martedì 12 novembre
lunedì 04 novembre
lunedì 28 ottobre
sabato 19 ottobre
venerdì 11 ottobre
sabato 28 settembre
mercoledì 04 settembre
giovedì 15 agosto
Buon Ferragosto
(h. 00:00)
venerdì 09 agosto
martedì 06 agosto
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium