/ Sanremo Ospedaletti

Sanremo Ospedaletti | mercoledì 27 aprile 2016, 17:38

COPPA ITALIA DI ECCELLENZA: UNIONE SANREMO, CHE D...ELIZIA! 2-0 AL MAZARA E COPPA IN BACHECA (Foto e Video)

I sanremesi raggiungono la Serie D, dove giocheranno il prossimo anno

COPPA ITALIA DI ECCELLENZA: UNIONE SANREMO, CHE D...ELIZIA! 2-0 AL MAZARA E COPPA IN BACHECA (Foto e Video)

MAZARA: Iacono, Lo Cascio, Fontana, Comegna, Mastronardi, Gallina (68' Di Simone), Compagno (58' Giacalone), Arnone, Gambino (65' Bono), Rosella, Cammareri. A disp. Ilario, Terzo, Li Causi, Falsone. All. Napoli.

UNIONE SANREMO: Miraglia, Fenoglio, Puddu, Bregliano, Fiuzzi, Fonjock, Capra (81' Scalzi), Sinisi, Rovella, Sancinito, Cardini (65' Gallo). A disp. Geraci, Raguseo, Fici, Muller, Martelli. All. Cevoli.

E venne il giorno più atteso, la finalissima di Coppa Italia di Eccellenza: in palio, oltre al prestigioso trofeo, c'è l'approdo diretto alla prossima Serie D. L'Unione Sanremo ha di fronte a sè l'ultimo ostacolo di questa cavalcata: il Mazara di Tommaso Napoli.

Dopo un'iniziale fase di studio dei primi minuti, al 9' è Sinisi a colpire con un rasoterra che termina poco lontano dal palo: Iacono osserva la sfera spegnersi sul fondo. Partita maschia con alcuni interventi decisi ma non cattivi: al 19' Cardini con un bell'esterno di prima intenzione sfiora la traversa. Al 30' l'episodio che cambia la gara: Capra con una bella gicata taglia centralmente la difesa gialloblu e Mastronardi lo atterra in area piccola: espulsione per il numero 5 mazarese e rigore per i matuziani trasformato da Cardini, che esulta con un pallone sotto la maglia a celebrare il figlio in arrivo. Il Mazara non si scompone nonostante po svantaggio e l'uomo in meno, e prova a farsi vedere dalle parti di Miraglia. Di contro, Capra e Rovella trovano molti più spazi in fase offensiva, ma non riescono a pungere come vorrebbero.

Nella ripresa il Mazara sembra non risentire dell'inferiorità numerica e al 60' la botta a colpo sicuro di Gambino viene deviata in corner da Fonjock di testa, provvidenziale. L'Unione Sanremo fatica a giocare di rimessa, ma fino al minuto 81 succede poco o nulla, fino a una bella punizione di Bono respinta da Miraglia. Sul contropiede successivo è Sinisi a trovarsi sui piedi il pallone del match, ma Iacono lo ipnotizza. Nel recupero Scalzi se ne va da solo in contropiede e batte con un preciso sinistro Iacono in uscita: la festa biancazzurra può cominciare! La squadra del presidente Bersano mette in bacheca la Coppa e taglia il traguardo della serie D.

Federico Bruzzese

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore