Politica - 15 ottobre 2022, 18:13

Futuro della linea ferroviaria Ventimiglia-Cuneo, AGB: "Una ferrovia meravigliosa ma ‘senza meraviglie’"

"Malgrado le risorse impegnate per ripresa dopo la tempesta Alex, la linea ferrata non è ancora in sicurezza. La gestione del traffico ferroviario è regolato da una Convenzione internazionale scaduta da 10 anni"

Futuro della linea ferroviaria Ventimiglia-Cuneo, AGB: "Una ferrovia meravigliosa ma ‘senza meraviglie’"

“Si susseguono incontri istituzionali sul futuro della linea ferroviaria Ventimiglia-Cuneo con importanti annunci di novità e sviluppi positivi. Pur apprezzando le volontà espresse, riteniamo che una linea di questa importanza, internazionale, strategica, necessaria, ora abbia bisogno di vere ‘meraviglie’. Dobbiamo rilevare la carenza e mancanza di una regia, di un’agenda precisa con una pianificazione chiara di messa in ordine e di sviluppo della linea, manca una visione unitaria. Troppe competenze distribuite tra i due Stati e le tre Regioni”. Ad affermarlo è l’Associazione a sostegno della linea ferroviaria Ventimiglia- Cuneo  (AGB) che continua: “Il risultato finale è sotto gli occhi di tutti: la linea funziona a senso unico, dal Piemonte alla Liguria, con orari sballati. La velocità di crociera è ancora ridotta con tempi di collegamento sopra la norma. Malgrado le risorse impegnate per ripresa dopo la tempesta Alex, la linea ferrata non è ancora in sicurezza. La gestione del traffico ferroviario è regolato da una Convenzione internazionale scaduta da 10 anni. Le stazioni ferroviarie, esempio di architettura storica, sono in stato di semiabbandono o abbandonate, a partire dalla centrale di Cuneo”.

“Nel frattempo la confusione regna sovrana e ognuno esprime la propria desidera, a partire da richieste di servizi navette interne tra borghi, pagati da Pantalone. La Regione Piemonte è l’unica che mantiene l’onore garantendo il necessario finanziamento e il funzionamento minimo. La Regione Liguria ha perso l’unico sostenitore, con l’elezione al Senato di Gianni Berrino. La Regione Paca non rilevata. Infine i nostri sindaci, liguri e piemontesi, presenti a macchia di leopardo, con interessi diversi, a volte troppo ‘di bottega’. Sul fronte nazionale mai visto un deputato francese su un binario e quelli italiani sono appena stati eletti. Questa è la nostra ferrovia meravigliosa ma ‘senza meraviglie’, il resto è noia. Serve una conferenza programmatica per discutere di futuro, della nuova programmazione europea, di rilancio della ferrovia, delle opportunità che ci offre il Patto del Quirinale, di una gestione europea”.

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

SU