Cronaca - 09 novembre 2021, 12:35

Cresce la protesta al Mercato di Sanremo: un altro ambulante in sciopero, "Senza risposte dal Comune sarà la morte delle nostre attività"

"Sciopero per danni subiti, causa spostamenti coatti"

Cresce la protesta al Mercato di Sanremo: un altro ambulante in sciopero, "Senza risposte dal Comune sarà la morte delle nostre attività"

Secondo giorno di sciopero al mercato settimanale di Sanremo e la protesta si allarga con un altro ambulante che non ha messo il banco. Il motivo è sempre lo stesso: la postazione cambiata senza preavviso e confronto.

Come ci hanno ribadito i commercianti interessati dal problema, le dirette conseguenze sono una visibilità peggiore e doversi rifare un giro di clienti, in un momento di difficoltà economica. Lo sciopero è partito sabato scorso con un commerciante Roberto Zawam, conosciuto da tutti come l' 'egiziano' che per protesta non ha esposto la merce lasciando al suo posto un cartello con scritto: "Sciopero per danni subiti, causa spostamenti coatti" 

Oggi, un altro commerciante storico del mercato matuziano ha deciso di unirsi alla protesta. Si tratta del venditore di formaggi Sergio Giraudo. Lui si è trovato spostato dal lato di Salita San Siro a sotto la torre Saracena, per motivazioni attinenti alla sicurezza ma al suo vecchio posto oggi ci sono altri banchi. Oltre al fatto che la nuova posizione crea non pochi problemi per spazi giudicati insufficienti e barriere architettoniche ai danni della clientela. Tanto che Giraudo ha deciso di sospendere la licenza per un mese. 

I due ambulanti fanno parte di un gruppo di una decina di commercianti interessati da questi spostamenti. Loro due hanno scelto di rinunciare all'incasso di queste giornate per sollecitare e sensibilizzare il Comune.

Da sabato a oggi, da palazzo Bellevue non sono arrivate risposte ai diretti interessati anche se il lavoro degli spostamenti è maturato dopo una concertazione tra i sindacati degli ambulanti, il Comune e i responsabili incaricati per redigere la nuova piantina del mercato. Pianta che è stata approvata dai sindacati ma che ha lasciato diversi commercianti scontenti. 

L'intenzione degli ambulanti è di portare avanti la protesta ad oltranza, arrivando, nel caso di Zawam, anche a incatenarsi alle palme vicino al suo banco. Per Giraudo se non ci sarà un intervento risolutivo del Comune, la situazione comporterà la morte della sua attività. 

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU