Cronaca - 15 ottobre 2021, 10:52

A Badalucco comune chiuso per sciopero contro il green pass, Sindaco "Ognuno è libero di aderire ma le regole vanno rispettate"

La situazione anche nel resto della valle Argentina e sui comuni costieri da Taggia a Santo Stefano al Mare. Il caso di Badalucco potrebbe non essere il solo, nei piccoli comuni basta anche l'assenza di uno o due dipendenti per mandare in tilt gli uffici.

A Badalucco comune chiuso per sciopero contro il green pass, Sindaco "Ognuno è libero di aderire ma le regole vanno rispettate"

A Badalucco comune chiuso a causa dell'adesione totale allo sciopero contro l'obbligo di green pass. Un problema che era nell'aria da tempo tanto che l'amministrazione era corsa ai ripari informando la popolazione sui possibili disservizi legati all'astensione di alcuni dipendenti che si sarebbero potuti verificare da oggi al 20 ottobre. E' stato anche affisso un cartello sul portone di ingresso al municipio (nella foto). 

Un'amara constatazione quella fatta stamattina dal sindaco Matteo Orengo. Il primo cittadino infatti si è trovato di fronte all'assenza dei dipendenti comunali, una decina di persone. "E' una situazione drammatica - ci spiega Orengo - il comune è chiuso. Aderire allo sciopero è un diritto. Certo si dà grosso disservizio e insieme al segretario comunale stiamo facendo le opportune valutazioni su come intervenire per riuscire a mantenere il servizio minimo per la comunità e se non ci siano provvedimenti in essere da prendere a fronte delle defezioni".

"E' chiaro che al lavoro si debba andare con greenpass o da vaccino o da tampone e su questo saremo intransigenti nel rispetto delle idee e delle posizioni. Le regole sono regole e vanno rispettate, gli uffici devono funzionare e tornare a essere a disposizione della cittadinanza. - conclude il primo cittadino - Ognuno deve essere libero di pensarla come crede però sull'applicazione regole nessuno sconto". 

Nel resto della valle Argentina, a Montalto Carpasio, Molini di Triora e Triora non si sono registrati problemi. I sindaci ci hanno confermato che la situazione è sotto controllo, con la quasi totalità dei dipendenti comunali o vaccinati oppure con green pass da tampone. 

Discorso analogo verso la costa, a Taggia, si registra una percentuale inferiore al 10% di non vaccinati che potrebbero assentarsi. Un numero che allo stato attuale non dovrebbe causare disservizi. Su Riva Ligure e su Santo Stefano al Mare, nessun problema nei due comuni dove si era proceduto a una ricognizione del personale già nei giorni scorsi per arrivare preparati a oggi. In particolare al municipio rivese il ritorno di tutti i dipendenti in presenza ha reso necessaria una rimodulazione degli orari di apertura al pubblico, ampliandoli, venendo incontro alle esigenze di quei dipendenti che hanno preferito ricorrere alla certificazione verde da tampone. Negli uffici della torre esagonale sanstevese invece tutto è funzionato regolarmente, con una certo numero di dipendenti che nelle scorse settimane di fronte all'entrata in vigore del provvedimento ha deciso di vaccinarsi.  

Appare chiaro che il problema verificatosi a Badalucco, possa non essere un caso isolato. Nei comuni più piccoli e in provincia di Imperia sono molti, basta anche l'assenza di uno o due dipendenti per mandare in tilt il lavoro degli uffici e quindi andare a causare disservizi al pubblico. 

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU