Attualità - 03 luglio 2020, 17:34

Sanremo: il futuro del Puc in un incontro oggi in Comune, Donzella "Condivisione di intenti con gli ordini professionali" (Foto)

All'incontro erano anche presenti: il Sindaco Biancheri e l’associazione temporanea di professionisti, incaricata di modificare il Puc della città.

Sanremo: il futuro del Puc in un incontro oggi in Comune, Donzella "Condivisione di intenti con gli ordini professionali" (Foto)

Importante riunione, questa mattina in Comune a Sanremo, tra gli ordini professionali della città e l’Assessore ai Lavori Pubblici di palazzo Bellevue, Massimo Donzella, insieme al Sindaco Alberto Biancheri ed agli uffici competenti.

All’incontro hanno partecipato gli ingegneri, architetti, geologi, geometri e l’Ance per parlare con l’associazione temporanea di professionisti, incaricata di modificare il Puc della città di Sanremo. Si tratta di professionisti della provincia di Trento, che si sono aggiudicati la gara (l’Arch. Gabriella Baldosso, l’Arch. Maurizio Tomassoni, l’urbanista Cesare Benedetti e il geologo Andrea Di Braida).

Nel corso della riunione è emersa una condivisione ed una voce comune sulle richieste da fare alla Regione, per riqualificare il patrimonio edilizio, cercando di renderlo adeguato alle attuali esigenze turistiche del territorio come energie alternative, costruzioni che rispettino gli aspetti antisismici, del non inquinamento e delle energie alternative. Gli ordini professionali ed il Comune hanno concordato che prevalga il concetto del ‘costruire sul costruito’, con un limitato consumo del territorio ma che la normativa del ‘Piano casa’, possa essere utilizzata non solo nelle zone agricole ma in tutti gli ambiti.

Questo perché tutti hanno convenuto che questo possa migliorare, sul piano qualitativo, estetico e di esigenze di vita funzionali, per residenti e turisti. Scelte che devono consentire, per una attrattività ed un miglioramento estetico degli interventi edilizi (come demolizione, ricostruzione ed eventuale ampliamento). In considerazione delle esigenze, ormai naturali provate dal Covid-19, è stato concordato come sia fondamentale utilizzare gli spazi esterni (porticati, balconi ed altro) in una misura importante come estensione rispetto al fabbricato. Visto il nostro clima, infatti, la vita può tranquillamente spostarsi all’esterno.

Verrà chiesto, in questo concetto di natura turistica e di attrattività verso l’esterno, di poter costruire piscine da inserirsi in modo corretto nel paesaggio, ma anche di garage con scelte che consentano la delocalizzazione degli immobili, trasferendo gli indici in più zone.

Nel corso della riunione di oggi è stata espressa la condivisione nel tutelare i beni che devono essere tutelati, tra cui oggetti di vincolo e patrimoni importanti. Ma anche di voler migliorare, attraverso demolizione e ricostruzione, quei beni che hanno bisogno di interventi e non sono più adeguati al nostro tempo.

L’associazione temporanea di professionisti incaricata ed arrivata dal Trentino ha accolto gli intendimenti e le idee ed ora avrà 120 giorni di tempo per fare una proposta alla Regione e confrontarsi con gli ordini in modo da arrivare a scelte che siano le migliori possibili per il Puc di Sanremo.

“Voglio ringraziare tutti quelli che hanno partecipato alla riunione – ha detto l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Sanremo, Massimo Donzella perché sono state fatte molte proposte, nell’interesse generale del territorio e dei cittadini. Lavoreremo con gli ordini per conseguire il miglior risultato possibile. Credo che ci sia una consonanza tra quanto sosteniamo come Amministrazione comunale e quanto sottolinea la Regione. Confidiamo per un lavoro veloce e proficuo”.

Carlo Alessi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

SU