/ Attualità

Attualità | 24 novembre 2022, 13:20

Taggia festeggia i 50 anni della ditta Oggero, il Comune e l'ex sindaco Cerri salutano l'importante traguardo

Tutto è nato da Carlo 'Carluccio' che fondò l'attività a Levà specializzandosi in taglio marmo e costruzioni in cemento per realizzare elementi d'arredo e non solo.

Taggia festeggia i 50 anni della ditta Oggero, il Comune e l'ex sindaco Cerri salutano l'importante traguardo

50 anni d'attività dalla licenza e quasi un centinaio di lavoro: è questo l'importante traguardo raggiunto dalla ditta Oggero di Taggia. Tutto è nato da Carlo 'Carluccio' che fondò l'attività a Levà specializzandosi in taglio marmo e costruzioni in cemento per realizzare elementi d'arredo e non solo. Un lavoro artigianale che si è dovuto adattare negli anni al mercato. 

Oggi c'è Enzo, il figlio che ha passato la vita in questa grande officina apprendendo il mestiere di tagliatore e costruttore. Una esperienza che ha tramandato alle due figlie, Cristina e Paola. Scherzando il capofamiglia ha detto '...magari tra qualche anno anche i miei nipotini verranno qui ad imparare'. 

Enzo Oggero ricorda bene il lavoro con il padre e le tante opere fatte. Buona parte dei condomini e delle case della zona sono stati abbelliti da gradini, vasi e altri elementi d'arredo realizzati da loro. A distanza di tanto tempo, Oggero viene ancora a lavorare anche se ci ha confidato 'un po' meno di prima' ma a lui proprio non piace stare fermo. Così, spesso, si diletta ancora nella lavorazione del ferro e nel taglio.

Il lavoro per questa famiglia, uno dei punti di riferimento su Levà, è cambiato. Il taglio del marmo ha dovuto lasciare posto alla vendita di materiale edile, un settore che deve combattere con la crisi. La grande distribuzione non ha intaccato in questi anni il volume d'affari, grazie all'aver continuato a far questo lavoro in modo artigianale e con la stessa passione avuta fin dal primo giorno di licenza commerciale.

Per salutare l'importante traguardo raggiunto dall'impresa locale è intervenuta anche l'amministrazione comunale di Taggia. Il vicesindaco Espedito Longobardi ha portato i saluti del Comune, accompagnando un ospite speciale, Claudio Cerri, ex sindaco di Taggia. Sulla licenza della famiglia Oggero risalente a mezzo secolo fa c'è proprio la sua firma. Cerri e Oggero si sono scambiati una forte stretta di mano e un sorriso ricordando gli anni passati. Un momento simbolico in un clima di festa con clienti nuovi e vecchi, insieme anche ai tanti dipendenti che sono passati da questa impresa.

La famiglia Oggero ha spesso donato i propri lavori al Comune. Ad esempio, i vasi e alcune panchine che si trovavano sul tratto del lungomare di Arma, poi rifatto negli anni scorsi. Così come un marciapiedi a Levà e diversi lampioni, prima che l'illuminazione pubblica venisse completamente rifatta a led. Come ci ha raccontato Enzo Oggero è sempre stato un modo per manifestare il proprio affetto verso Taggia.  

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium