/ Attualità

Attualità | 23 novembre 2022, 07:14

Meosu isolata: Badalucco incontra Taggia per gli 800mila euro, Orengo "Nel 2023 secondo bando per i lavori"

E la passerella? Passa in secondo piano. I fondi ottenuti dal Comune di Badalucco, attraverso Protezione Civile, saranno destinati in via prioritaria alla messa in sicurezza della nuova viabilità da Fraitusa.

Nei giorni scorsi in Comune a Taggia c'è stata una riunione tecnica tra i sindaci Mario Conio e Matteo Orengo, di Badalucco, per Meosu. Al centro dell'incontro i primi passi per delineare, con i tecnici dei due comuni, la strategia per gli 800mila euro ottenuti dalla municipalità badalucchese. 

Chi fa cosa e come

"E' una somma importante che ci permetterà di dare una strada degna di questo nome a Meosu. - sottolinea il sindaco Matteo Orengo a margine dell'incontro - Useremo questi soldi per la messa in sicurezza della nuova viabilità, attraverso un secondo bando di lavori, nel 2023".

Meosu isolata 

Meosu rimane isolata dall'ottobre 2020, quando il torrente Argentina ha trascinato a valle il ponte che portava a questa zona agricola. I lavori di regimentazione delle acque, chiuderanno la prima tranche di lavori in capo al Comune di Badalucco e che, a breve, porterà alla consegna di un tracciato, con un ritardo di alcuni mesi rispetto alla road map prevista inizialmente. Secondo il documento d'intenti sottoscritto tra i due enti, il Comune di Taggia doveva trovare le risorse per il completamento della strada (l'asfaltatura ndr)e la messa in sicurezza ma la cospicua somma ottenuta dal Comune di Badalucco, attraverso Protezione Civile ha cambiato le prospettive d'intervento. 

"Questi 800mila euro ci permetteranno di fare tutto e farlo bene. - conclude Orengo - Badalucco concluderà l'opera nella maniera migliore ma ci vorrà pazienza. E' ovvio che i tempi per la conclusione definitiva si allungano". Si parla di almeno un anno prima che la strada possa definirsi completata con un intervento complessivo che interesserà anche il tratto a partire dal ponte di Fraitusa dove l'asfalto versa in pessime condizioni. 

La passerella

Passa in secondo piano l'ipotesi passerella o ponte tibetano. Dai Comuni non la escludono ma non è prioritaria rispetto alla viabilità che realizzata passando da Fraitusa. C'è interesse per ripristinare un collegamento dalla Strada Provinciale 548, a patto che vengano trovati i fondi. Del resto, ripristinare una ulteriore via d'accesso, anche se con una carreggiata ridotta (ad esempio, per il passaggio a piedi o con mezzi di piccole dimensioni ndr) permetterebbe di avere una via d'accesso secondaria che potrebbe scongiurare in futuro ulteriori casi di isolamento per questa zona fatta di campagne e abitazioni tra Taggia e Badalucco. 

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium