/ Attualità

Attualità | 07 agosto 2022, 13:00

Imperia, due beneficiari del reddito di cittadinanza per supportare la ricognizione del patrimonio dell'Archivio di stato: la Giunta approva il progetto

L'iniziativa durerà 18 mesi e il suo scopo è il sostegno alla ricognizione, descrizione ed elencazione del patrimonio archivistico-bibliografico da movimentare in vista del trasferimento di sede dell’Archivio

Imperia, due beneficiari del reddito di cittadinanza per supportare la ricognizione del patrimonio dell'Archivio di stato: la Giunta approva il progetto

Approvato dalla Giunta comunale di Imperia il progetto presentato dall’Archivio di Stato di Imperia, il 22 giugno scorso, riguardante la 'Valorizzazione dei fondi archivistici del Comune'.

L'iniziativa durerà 18 mesi e il suo scopo è il supporto alla ricognizione, descrizione ed elencazione del patrimonio archivistico-bibliografico da movimentare in vista del trasferimento di sede dell’Archivio di Stato e le successive fasi di gestione dello stesso, con particolare riferimento ai fondi archivistici del comune di Imperia versati a suo tempo all’Istituto.

Il progetto prevede il coinvolgimento di 2 beneficiari del reddito di cittadinanza residenti nel Comune di Imperia e comunque prevede un turn over dei partecipanti. Le attività del progetto prevedono che i beneficiari coinvolti, in supporto al personale dell’Archivio di Stato, si occupino della movimentazione del materiale e della raccolta dei dati utili alla sua identificazione.

Per la realizzazione del progetto presentato è necessario comunque procedere con la firma della convezione tra l’Archivio di Stato di Imperia e il Comune con lo scopo di regolare le modalità di collaborazione per la gestione dello stesso. 

Non è la prima volta che i beneficiari del reddito di cittadinanza vengono inseriti all'interno di progettualità comunali. Nell'aprile scorso con il progetto 'Vivere insieme la cultura” la Giunta comunale, su proposta dell'ufficio Cultura, aveva previsto il coinvolgimento per 6-9 mesi di 13 cittadini beneficiari del reddito di cittadinanza con lo scopo di sostenere l’accesso e la fruizione dl patrimonio culturale di Villa Faravelli (Museo Maci), Villa Grock (Museo del Clown), Museo Navale con annesso Planetario, galleria Rondò e servizio biblioteca. L'iniziativa era rivolta a potenziare il servizio di vigilanza, presidio e assistenza al pubblico. 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium