/ Economia

Economia | 04 agosto 2022, 07:00

I professionisti del poker come sportivi

Strategia, intelligenza ed esperienza, ma trasformare la propria passione per il poker in un'attività sportiva non è così semplice.

I professionisti del poker come sportivi

Strategia, intelligenza ed esperienza, ma trasformare la propria passione per il poker in un’attività sportiva non è così semplice. Resta fondamentale, oltre a una spiccata capacità di calcolo, anche il saper governare le emozioni e mantenere in ogni occasione la lucidità. Considerato un vero e proprio sport, il poker sportivo non è solo un gioco d’azzardo, anche se fa fatica a togliersi di dosso questa etichetta.

Il poker sportivo: tornei e regole

Il poker sportivo ha delle regole ben precise e abbastanza stringenti, stabilite dalla Federazione Italiana Gioco Poker. In genere, vi sono due tipologie di competizioni: i Sit’n’Go e i tornei Multitavolo. I Sit’n’Go (termine che significa letteralmente Siedi e Vai) prevedono la presenza di un numero minimo di giocatori, i quali possono andare dai 6 ai 9 oppure formare due tavoli da 9 per un totale di 18. Ogni giocatore è dotato di un certo numero di fiches, a vincere è l’ultimo che rimane in gara. I tornei Multitavolo, invece, non prevedono un numero fisso di giocatori perché si svolgono effettivamente a rotazione su più tavoli. Questo tipo di competizione in genere dura diverse ore, necessita dunque di allenamento e concentrazione. L’importo richiesto al momento dell’iscrizione è abbastanza contenuto, così da consentire a tutti gli appassionati di partecipare.

Per quanto riguarda le immagini delle lunghe e snervanti notti passate attorno a un tavolo da poker, si tratta ormai di un cliché, soprattutto se parliamo di poker professionale. Tra i principi portati avanti dalla Federazione, difatti, vi è proprio quello degli orari sostenibili. Si gioca a poker anche di domenica mattina o nel pomeriggio, lo sport va sempre incontro a uno stile di vita sano e gestibile.

Poker sportivo, tra allenamenti e gare

Le gare di poker sportivo possono svolgersi sia in presenza che online, con atmosfere ed emozioni naturalmente diverse. Molti esperti, però, consigliano sempre ai neofiti della disciplina di fare allenamento attraverso le piattaforme web che si possono trovare su casinomonkey.it. Un modo veloce e pratico per trovare piattaforme sicure e affidabili, senza incorrere in alcun intoppo. Qui è possibile scegliere tra innumerevoli realtà, tutte dotate della licenza ADM, rilasciata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze italiano. Un organo che tutela il cittadino, controlla il gioco, gli interessi dell’Erario e la relativa riscossione dei tributi.

La pratica, proprio come in qualunque altro sport, permette di padroneggiare le situazioni e comprendere a fondo i meccanismi alla base del gioco. Online è possibile partecipare a tornei importanti, incontrando professionisti di rilievo con cui – diversamente – sarebbe davvero difficile gareggiare dal vivo. Questa disciplina fa parte dei giochi di abilità ed è classificata come Skill Game. Le regole alla base delle concessioni impongono che, per essere considerati tornei legali di poker, debbano avere un costo che varia tra i 0,50 centesimi e i 250 euro.

Una vita da pokerista

Esercizi di respirazione e stretching mirato: la vita da pokerista professionista assomiglia proprio a quella di un atleta. In effetti, non si tratta soltanto di giocare e collezionare esperienze in termini di strategie e mosse. Ogni giocatore sa quanto conti lavorare su stesso, partendo da una buona alimentazione e da una condizione fisica ottimale. Si tratta della base su cui costruire una preparazione mentale che consenta di sopportare le trasferte e le lunghe ore di gioco, lo stress dei momenti delicati e il controllo delle emozioni. In effetti, è risaputo quanto conti il “bluff” nel poker.

Deception è il termine con cui si definisce proprio l’azione di qualcuno che crede vera una notizia falsa. Quante volte, soprattutto nei film, abbiamo assistito con suspence a quei momenti in cui tentavano di far credere di avere alcune carte al posto di altre? Anche una corretta respirazione e il controllo della stessa sono dei validi aiuti, nella vita quanto nel gioco, per tenere a bada emozioni, stanchezza e mancanza di lucidità. È la dimostrazione che si tratta di un gioco tutt’altro che banale, il quale di diritto viene considerato uno sport a tutti gli effetti. Il poker professionale richiede una preparazione atletica fisica, tanto che mentale.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium