/ Cronaca

Cronaca | 07 luglio 2022, 07:14

Taggia: una discarica abusiva a Beuzi, i cassonetti di via Umberto Napoli ostaggio degli incivili (Foto)

Una situazione problematica sotto gli occhi di tutti.

Taggia: una discarica abusiva a Beuzi, i cassonetti di via Umberto Napoli ostaggio degli incivili (Foto)

C'è una discarica abusiva alle porte di Beuzi, sulle alture di Taggia. Al termine di via Umberto Napoli, si può trovare una batteria di 11 cassonetti traboccanti di ogni genere di rifiuto. Spazzatura abbandonata che si trova lasciata fin da via Beglini, sotto il ponte dell'Autostrada e poi tutto lungo la nuova viabilità che porta fino alla discarica provinciale e alla zona collinare. 

Il grosso dei rifiuti si concentra al termine di via Napoli. Ci sono una tanica che conteneva un liquido tossico infiammabile, numerosi tubi, bidoni di vernice, materiali di scarto da lavori edili, elettrodomestici vari, mobili e rifiuti senza alcuna differenziazione in grossi sacchi neri. Si tratta di una grossa discarica abusiva che è cresciuta di giorno in giorno e secondo gli abitanti della zona, si trova in questo stato da almeno una settimana.   

Una situazione critica legata prima di tutto all'inciviltà. I cassonetti si trovano sul territorio comunale di Taggia ma al confine con Sanremo. Vista la mole di spazzatura abbandonata, è facilmente ipotizzabile che l'area venga utilizzata anche da persone provenienti dal comune confinante. Non è un mistero, la nuova strada ha reso Beuzi ma anche Collette Beulle (Sanremo) molto più facilmente raggiungibili rispetto alla viabilità interne che versano in condizioni precarie. Appare però chiaro che qui non sia responsabilità solo degli abitanti ma anche di qualcuno che voleva sbarazzarsi di molti altri rifiuti senza dover passare dalla discarica. 

Per gli abitanti di Beuzi questo è un problema che purtroppo è all'ordine del giorno. Secondo quanto c'è stato riportato, la batteria dei bidoni non viene svuotata spesso tanto da  costringere alcune famiglie a tenersi la spazzatura in casa in attesa che i bidoni si liberino, salvo poi riempirsi nel giro di poche ore. Secondo quanto raccontato dagli abitanti, anche prima della nascita della strada nuova, purtroppo si erano registrati abbandoni sistematici e difficoltà nella gestione del servizio di raccolta. Da quando ha aperto via Umberto Napoli, con l'alloggiamento dei cassonetti in una zona comoda, lontana da sguardi indiscreti e senza videosorveglianza, per gli abitanti di Beuzi è diventata una lotta continua con chi scambia questi bidoni per la propria discarica personale.  

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium