/ Cronaca

Cronaca | 30 giugno 2022, 21:33

Tangenti ai politici, gli avvocati di Luigino Dellerba: “Il nostro cliente provato dal carcere”. L’ex sindaco di Aurigo sotto interrogatorio per 10 ore (video)

“Soffre per patologie pregresse, a tratti abbiamo dovuto interrompere e aiutarlo a ricordare. Chiariti tutti gli aspetti” hanno detto Simona Costantini e Carlo Fossati

Tangenti ai politici, gli avvocati di Luigino Dellerba: “Il nostro cliente provato dal carcere”.  L’ex sindaco di Aurigo sotto interrogatorio per 10 ore (video)

È durato quasi 10 ore in tribunale l’interrogatorio di Luigino Dellerba assistito dagli avvocati Simona Costantini e Carlo Fossati davanti alla sostituta procuratrice Barbara Bresci.

Dellerba era chiamato a chiarire fatti e circostanze relative al giro di tangenti che lo hanno portato a varcare le soglie del carcere del capoluogo, dove è detenuto dal 30 maggio scorso, dopo l’arresto ad opera dei carabinieri del gruppo investigativo che lo hanno colto nell’atto di ricevere una presunta tangente di 2000 euro dalle mani dell’imprenditore Vincenzo Speranza titolare della Edilcantieri.

Abbiamo chiarito tutti i passaggi della vicenda - ha detto all’uscita l’avvocato Costantini ovviamente c’è stato bisogno di soffermarci anche del tempo su ogni piccolo episodio, ogni particolare, è questo anche il motivo per cui abbiamo impiegato così tanto tempo. Noi abbiamo chiarito la nostra posizione”.

Chiederemo la scarcerazione. L’interrogatorio è stato fatto, il nostro cliente ha risposto a tutto e, quindi, auspichiamo che sia creduto e che venga anche diminuita la gravità della misura cautelare che per adesso è in atto. Anche perché Dellerba è sensibilmente provato, ha delle patologie che sono collegate che lo rendono particolarmente debole in questo momento. L’interrogatorio è stato lungo anche perché ha avuto dei momenti di difficoltà a ricordare le cose, abbiamo dovuto rileggergli dei passaggi delle intercettazioni. Però ha risposto a tutto abbiamo riesaminato tutto lentamente, ha risposto a tutto”, ha sottolineato l’avvocato Carlo Fossati.

I verbali, come era accaduto per l’interrogatorio dei fratelli Vincenzo e Gaetano Speranza (detenuto ai domiciliari) sono stati secretati.

Diego David

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium