/ SoloAffitti

In Breve

lunedì 28 novembre
lunedì 21 novembre
lunedì 14 novembre
lunedì 07 novembre
Mondo Solo Affitti
(h. 06:00)
lunedì 24 ottobre
lunedì 17 ottobre
lunedì 03 ottobre
domenica 25 settembre
lunedì 19 settembre
lunedì 12 settembre

SoloAffitti | 13 giugno 2022, 06:00

5 Cose che sono cambiate nel mondo della locazione. Ecco la seconda!

Ho selezionato per te i 5 più importanti cambiamenti che hanno coinvolto il settore della locazione e che, quindi, ti coinvolgono. Se qualcosa ti era sfuggito non preoccuparti: sei sempre in tempo per rimediare.

5 Cose che sono cambiate nel mondo della locazione. Ecco la seconda!

Ho selezionato per te i 5 più importanti cambiamenti che hanno coinvolto il settore della locazione e che, quindi, ti coinvolgono. Se qualcosa ti era sfuggito non preoccuparti: sei sempre in tempo per rimediare.

Ogni settimana ti parlerò di un cambiamento.

Ecco il secondo !!!!!!!!

 

2) Grazie al canone concordato, un affitto più alto non significa per forza guadagnare di più

 

Da quando il canone concordato è diventato uno strumento efficace, l’affitto non è più una guerra di prezzo tra proprietario e inquilino. Non per forza, almeno.

 

Cos’è e come funziona un contratto a canone concordato

In sostanza, si tratta di un contratto di affitto concordato tra le associazioni di categoria di proprietari e inquilini della tua zona, nel quale:
● il contratto ha una specifica formulazione in base all’esigenza dell’inquilino: residenziale classica (contratto 3+2), residenziale temporanea (contratto transitorio), studio universitario (contratto per studenti universitari fuori sede) 
● le clausole contrattuali sono per la gran parte predefinite e non modificabili
● il canone di affitto scelto dalle parti deve necessariamente ricadere all’interno di una forbice di prezzi determinata da un sistema di calcolo definito a livello locale (il cosiddetto «accordo territoriale per il canone concordato»).

Il canone, quindi, non è fissato dal proprietario e dall’inquilino (esclusivamente) sulla base della libera contrattazione tra loro. 

La forbice di canone minimo-massimo è stabilita sulla base di elementi oggettivamente individuabili:

● il quartiere in cui si trova l’immobile
● le caratteristiche qualitative e le dotazioni dell’alloggio
● la superficie dell’immobile, adeguatamente calcolata
● la presenza di maggiorazioni o riduzioni del canone legate alle caratteristiche dell’immobile o del contratto di affitto (es: presenza di arredamento nell’alloggio, di riscaldamento autonomo, di posto auto, etc).

Le agevolazioni fiscali per chi affitta casa con un contratto a canone concordato?

Perché tutto questo meccanismo di calcolo articolato e complesso?

Per una ragione semplice: evitare che i proprietari possano approfittare della carenza di alloggi in affitto per pretendere dagli inquilini dei prezzi troppo alti. Le tariffe che vengono fissate tramite l’accordo territoriale per il canone concordato, infatti, sono inferiori a quelle che gli inquilini trovano sul libero mercato.

Tu, caro proprietario, ti starai ora chiedendo: «ma allora, chi me lo fa fare a scegliere un contratto a canone concordato? Voglio poter chiedere il canone più alto possibile, mica sono una Onlus!»

Tranquillo: se sono sempre di più i proprietari che utilizzano contratti a canone concordato, la convenienza c’è, eccome.

Nel prossimo articolo analizzeremo la tassazione con un maggiore dettaglio. Nel frattempo, posso già dirti che gli sgravi fiscali che ti vengono concessi se utilizzi un contratto a canone concordato di frequente riescono a compensare il canone ridotto che devi concedere all’inquilino. Il minore carico fiscale, quindi, ti fa guadagnare di più, alla fine della fiera: hai un reddito lordo inferiore ma, al netto delle tasse, un reddito netto maggiore.

Non sempre è così: occorre fare una valutazione di convenienza che  te lo dico perché l’ho fatta in tantissime occasioni e per tantissimi proprietari,  non è per forza semplice, tanto più per chi non fa questo di lavoro tutti i giorni.

Il consiglio è lo stesso di prima: affidati ad un professionista della rendita e scopri quanto puoi ottenere dal tuo immobile in affitto.

 

Se hai un appartamento a Sanremo o Provincia di Imperia da affittare e non vuoi occuparti di tutta la burocrazia puoi contattarci.

Il nostro Team di Rental Property Manager  è a vostra  disposizione per :

-      Ulteriori informazioni

-      Gestire il vostro patrimonio immobiliare

-      Garantire al 100 % il pagamento del canone d’affitto www.soloaffittipay.it

 

Agenzia Solo Affitti Sanremo

Tel. 0184/525507

sanremo@soloaffitti.it

 

Grazie dell’attenzione e alla prossima settimana per il terzo articolo che parlerà di Tasse sulla locazione.

 

 

 

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium