/ Cronaca

Cronaca | 21 maggio 2022, 07:11

Messa in sicurezza del torrente Argentina tra Taggia e Riva Ligure: dopo la bomba, il fondale sarà scansionato con un drone

Il ritrovamento dell'ultimo ordigno ha portato le autorità a convenire che sia utile un approfondimento, prima di dare il via ai lavori che saranno particolarmente complessi.

Messa in sicurezza del torrente Argentina tra Taggia e Riva Ligure: dopo la bomba, il fondale sarà scansionato con un drone

Il torrente Argentina sarà presto sondato per vedere se il fondale celi altri ordigni bellici. La decisione è stata presa durante un riunione tra i rappresentanti di Regione Liguria e dei comuni di Taggia e Riva Ligure. 

Il ritrovamento della bomba da 1000 libbre avvenuto il 22 aprile ha creato un precedente che merita di essere approfondito in vista degli importanti lavori per la messa in sicurezza della foce del torrente. Un intervento quest’ultimo programmato da tempo: interesserà le sponde del corso d’acqua, nel tratto tra l’Aurelia e il pontino della ciclabile che verrà distrutto e ricostruito e soprattutto il fondale che verrà abbassato. 

Il ritrovamento dell'ultimo ordigno ha portato le autorità a convenire che sia utile un approfondimento, considerando che la bomba rimossa nei giorni scorsi non era stato il primo residuato bellico trovato in quella zona. Negli anni scorsi ci sono stati diversi ritrovamenti analoghi risalenti alla seconda Guerra Mondiale. I lavori di messa in sicurezza sull'Argentina saranno complessi e importanti quindi onde evitare di doversi improvvisamente bloccare, sarà effettuata preventivamente un'analisi sul fondale. 

In base ai primi dettagli sulla procedura, verrà utilizzato un drone che dall’alto letteralmente sonderà lo spazio sottostante. Se saranno trovate delle masse particolari allora si procederà con un approfondimento. Una volta espletate le operazioni di analisi del fondale, i lavori potranno partire. Quando? La road map prevede il via al termine della stagione estiva per limitare i disagi per turisti e imprese. 

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium