/ Attualità

Attualità | 01 gennaio 2022, 08:00

Imperia, il Covid spegne il Capodanno: città deserta e pochi i locali aperti. Controlli delle forze dell'ordine nell'entroterra 'contro' i veglioni abusivi (foto)

Le restrizioni imposte dalla pandemia hanno frenato anche i più giovani a radunarsi nelle zone della movida a rischio assembramenti: in pochi hanno trascorso in piazza la notte di San Silvestro

Imperia, il Covid spegne il Capodanno: città deserta e pochi i locali aperti. Controlli delle forze dell'ordine nell'entroterra 'contro' i veglioni abusivi (foto)

La variante Omicron del coronavirus spegne il Capodanno nel capoluogo. Le restrizioni imposte dalla pandemia nella notte di San Silvestro hanno frenato anche i più giovani a radunarsi nelle zone della movida a rischio assembramenti come calata Cuneo, piazza De Amicis e borgo Marina. 

Alcuni dei principali locali pubblici hanno infatti optato per non restare aperti durante la notte evitando così il rischio di essere sanzionati da parte delle forze dell'ordine. Pochi infatti, i ragazzi che hanno scelto di trascorrere in piazza l'ultimo dell'anno.

L'attenzione da parte delle forze dell'ordine però resta alta nonostante la chiusura delle discoteche e dei locali: decisione questa varata dal Governo per fronteggiare l’impennata di contagi. Attenzione particolare è stata rivolta ad eventuali veglioni abusivi, case o ville affittate per festeggiare con musica la fine dell’anno. Per questo motivo Questura, comando provinciale di Carabinieri, Guardia di Finanza e polizia locale hanno rafforzato i controlli.

In una circolare inviata ai prefetti di tutta Italia, il ministero dell’Interno ha infatti invitato le forze dell’ordine a controlli intensi e mirati non solo nel centro città, ma anche nelle zone dell'entroterra. 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium