Tra storia e ricordi - 19 dicembre 2021, 09:00

I video di Roberto Pecchinino: riviviamo la terza edizione degli Antichi Mestieri ad Isolabona nel 2003

Nella rubrica 'Tra Storia e Ricordi'

I video di Roberto Pecchinino: riviviamo la terza edizione degli Antichi Mestieri ad Isolabona nel 2003

Continua con la 185ª puntata della rubrica “Tra Storia e Ricordi”, il nostro viaggio tra i presepi viventi organizzati tra il 1985 e 2018, in Provincia di Imperia, dove il giornalista e documentarista sanremese, aveva realizzato dei reportage anche per dei servizi giornalistici per il TGR 3 della Liguria.

La puntata di oggi ci trasporta, nel paese di Isolabona, dove nel 2003 il regista sanremese era stato invitato dal Sindaco Danilo Veziano e dal parroco Don Remo Carosi, a riprendere le ambientazioni e gli antichi mestieri organizzati nella terza edizione. In quell'occasione Pecchinino, aveva anche predisposto un impianto di videoproiezione per far vedere la Santa Messa di Natale all'esterno della chiesa. Con la puntata di oggi vedremo gli “Antichi Mestieri” accompagnati anche dall'indimenticabile Mons. Giacomo Barabino (allora Vescovo della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo).

A Isolabona i carruggi, le stradine tipiche del borgo, durante le edizione degli “Antichi Mestieri” organizzati il 24 e 25 dicembre di ogni anno (purtroppo a causa della pandemia, le ultime edizioni sono state sospese), si animano e tornano a profumare di essenze di un tempo e vecchi sapori andati perduti, come per magia, riprendono il sopravvento sull‘era moderna. Animali, un tempo indispensabili per la vita contadina, si ritrovano nuovamente le loro vecchie stalle.

Le cantine, addormentate per lunghi anni, come d‘incanto, si svegliano dal torpore e si rianimano con gli “Antichi Mestieri “. Lo scalpellino, il fabbro, il ciabattino, il contadino, l‘arrotino, il cestaio, il vecchio forno a legna, le vecchie botteghe ed i loro caratteristici personaggi riprendono a lavorare con attrezzi del passato. Il crepitio delle stufe a legna accompa nuovamente la vita del borgo ed il paese, illuminato dal chiarore delle fiaccole, si risveglia e si rianima sotto una nuova veste.

La sera del 24 dicembre, dopo la santa messa,tutti hanno la possibilità di assaggiare i tipici dolci di Isolabona, le cubäite, con la cioccolata calda e vin-brulè. Ringrazio l'amico Danilo Veziano e don Remo Carosi, per avermi invitato a fare le riprese nel 2003, perchè questo video è un altro pezzo di storia e di Antiche Tradizioni che fa parte della mia collezione con oltre 8.500 registrazioni realizzate in provincia di Imperia.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU