/ Politica

Politica | 30 novembre 2021, 18:49

Sanremo: consiglio comunale, Biancheri “Dal Por-Fesr possibili 10 milioni per il verde pubblico, dal Pnrr fondi per Bussana Vecchia” (Video)

Ammontano a 687 mila euro le minori entrate. Accantonata la prima rata in attesa della decisione del TAR

La RSA 'Casa Serena'

La RSA 'Casa Serena'

Il consiglio comunale convocato per questa sera a palazzo Bellevue si è aperto con la consueta ora dedicata a interpellanze e ordini del giorno.
Il consigliere Roberto Rizzo (M5S) ha presentato un’interpellanza in merito al funzionamento dell’impianto fotovoltaico della scuola di Coldirodi installati ben tre anni fa. L’assessore ai Lavori Pubblici, Massimo Donzella, il quale ha garantito una verifica sul collegamento dei pannelli con l’impresa che si occuperà del collegamento.

Luca Lombardi (Fdi) ha poi presentato un’interpellanza sulla situazione dell’Aurelia e di via Duca d’Aosta in zona La Vesca. Anche in questo caso ha risposto l’assessore Donzella che ha ribadito l’importanza della pratica per l’amministrazione ricordando poi la storia degli interventi già effettuati. “Questa mattina abbiamo parlato con il capo compartimento di Anas - ha spiegato Donzella - il primo intervento sarà la realizzazione di una scogliera davanti a La Vesca per un importo di oltre 2 milioni di euro per impedire che il mare continui ad erodere lo ‘zoccolo’ del fronte di frana, per il secondo intervento Anas è pronta a intervenire con una serie di consolidamenti a valle della via Aurelia con palificazioni con un fronte di 180 metri e profonde dai 25 ai 30 metri con un cronoprogramma di circa 400 giorni. Inoltre si rende indispensabile procedere al drenaggio delle acque per una serie di falde che non devono disperdersi ma essere incanala e riutilizzate per impedire l’aggravarsi della situazione. Esiste infine un ultimo progetto per circa 340 mila euro che consisterebbe in un muro di contenimento. Il tutto avrebbe un importo di oltre 5 milioni di euro”.

Il consigliere Andrea Artioli (Liguria Popolare) ha poi rinviato al prossimo consiglio comunale l’ordine del giorno per chiedere chiarimenti in merito ai pagamenti dei compensi nelle società partecipate, esponendo però le proprie perplessità per la difficoltà di accesso agli atti di Amaie Energia. Sempre Artioli ha chiesto novità in merito alla pratica per la prosecuzione dell’Aurelia Bis. “A breve ci sarà una presentazione di un progetto e delle risorse che sono state trovate e destinate per l’Aurelia Bis - ha risposto l’assessore Donzella - finalmente c’è un fatto certo e preciso di una somma di 8 milioni di euro destinata”.

Il consigliere Luca Lombardi (FdI) ha illustrato l’ordine del giorno per l’istituzione di una giornata contro tutti i totalitarismi (in allegato il testo), documento in merito al quale il sindaco ha proposto un lavoro condiviso per l’organizzazione delle iniziative. L’ordine del giorno è stato approvato all’unanimità.

L’ultima interpellanza, sempre esposta da Lombardi, ha riguardato le condizioni dell’asfalto in via Margotti, via Tasciaire e via Padre Semeria. “Si è deciso di intervenire su via Padre Semeria come strada di accesso alla città e a grande percorrenza - ha risposto l’assessore Donzella - abbiamo destinato 100 mila euro e i lavori stanno per iniziare. Prima di Natale saranno realizzati. Ma teniamo conto che per tutte le nostre strade c’è un preventivo da 10 milioni di euro”.

La discussione è proseguita con l’approvazione del regolamento di contabilità del Comune e l’abrogazione del regolamento di contabilità approvato nel 1998.
L’assessore Massimo Rossano ha poi illustrato la pratica per il bilancio di previsione 2021-2023 con la variazione di bilancio e l’applicazione dell’avanzo di amministrazione vincolato e investimenti oltre al piano delle opere pubbliche e la variazione del piano biennale beni e servizi. Nella pratica entra anche ‘Casa Serena’ con minori entrate per 687 mila euro e le minori spese per 600 mila euro con un disavanzo colmato con il fondo crediti di dubbia esigibilità. “L’ente locale ha dato risposte a tutte le richieste dei servizi sociali - ha commentato Rossano - un grande sforzo da parte dell’amministrazione per una delle voci più importanti”.
Il consigliere Luca Lombardi ha chiesto delucidazioni in merito ad alcuni punti del documento illustrato, mentre Umberto Bellini ha posto l'attenzione sui lavori pubblici definendo il 2021 come un anno da “drappo nero”.
La partita di Casa Serena si è chiusa in questi termini per il 2021 ed è un elemento positivo in attesa del TAR - ha spiegato l'assessore Rossano - il canone trimestrale è stato incassato ma reso non disponibile e accantonato in un fondo in attesa della decisione del giudice”.
Scattando una 'fotografia' al rendiconto e alle variazioni le considerazioni sono negative perché non traspare quello spirito che dovrebbe stare alla base della programmazione per il futuro della nostra città - ha dichiarato dai banchi dell'opposizione Andrea Artioli - ci sono alcune partire che poggiano nel project financing le loro radici e che sono portate avanti in modo ottimale come il porto vecchio, il parcheggio di piazza Eroi, progetti che danno sviluppo alla città cercando investitori provati. Viene a mancare tutto il resto, non leggo nel bilancio interventi strutturali per far crescere la nostra città. Cerchiamo di rendere attrattiva la città per gli investitori privati, per portare qui sedi di imprese che portino gettito fiscale”. L'attenzione del consigliere Artioli si è poi concentrata su Amaie Energia e sui dividendi per il Comune di Sanremo.
Spero di vedere andare a gara i progetti importanti di questa città anche se, per quanto riguarda il porto, andare a gara con un ricorso al TAR è rischioso e anche per il parcheggio di piazza Eroi ci sono state delle polemiche - ha proseguito il consigliere Daniele Ventimiglia (Lega) - ci sono risorse importanti a disposizione per la costruzione di nuove scuole e dobbiamo avere la capacità di andare a intercettare questi fondi”.
Ha poi preso la parola il sindaco Alberto Biancheri: “Questa sera l'amministrazione compie due anni e mezzo e vorrei ricordare che cosa abbiamo ereditato: il crollo dell'ex mercato di Coldirodi, il crollo alla stazione, le società sportive che si allenavano a villa Ormond. Situazioni pericolose. Senza dimenticare le scuole. C'era una città con molto disordine, come per i chioschi dei fiori di piazza Eroi o i cantieri nautici di porto vecchio. Non parliamo di venti anni fa, ma di sette anni. Voi chiedete una programmazione, ma la programmazione è partita proprio da lì per far capire che le cose si possono fare. Sono stati sette anni e mezzo molto difficili. Il punto fondamentale è stato quello dell'attrattiva verso i privati e non ci rendiamo conto di quanto Sanremo sia attrattiva in tutto il mondo e sono arrivati gli investitori. Abbiamo fatto progetti ma anche programmazione. Ricordiamo anche che siamo vicinissimi anche all'abbattimento dell'ecomostro. Le sfide che ci attendono sono per due questioni: il por-fesr 2021/2027 e il pnrr. Ci sono tantissime risorse alle quali poter accedere. Per il por-fesr stiamo lavorando e c'è la possibilità di arrivare ad avare 10 milioni di euro per il verde pubblico mentre dal pnrr sono possibili fondi per la riqualificazione di Bussana Vecchia. La città sta crescendo e resistendo, ma ora sta a noi dare maggiori infrastrutture”.
Mi lascia perplesso la mancata programmazione che si è verificata in questi sette anni e mezzo con problemi come lo sversamento di liquami in mare - ha proseguito nella discussione il consigliere Simone Baggioli (FI) - non si è mai pensato di fare scomputi con imprenditori che si sono dimostrati interessati per fare in modo che non ci siano più sversamenti nei porti. Per chiudere i bilanci si è sempre scelta la strada più facile come la vendita dei gioielli di famiglia. Difficile anche la situazione degli asfalti. Abbiamo un PUC che non dà la possibilità di costruire”.
Al termine della discussione la pratica è stata votata con i voti favorevoli della maggioranza e i 'no' dell'opposizione.

La pratica successiva riguardava l'assenso alla proposta di variante al PUC e al PTCP per realizzazione di un fabbricato a destinazione produttiva a servizio dell’attività florovivaistica di 'Sanremo Piante'. Il documento è stato illustrato dall'assessore all'Urbanistica, Massimo Donzella: “L'intervento è composto di un piano interrato, un piano terra e un altro volume al primo piano. La destinazione è ad uso non abitativo, quindi di natura produttiva e uffici. All'interno sono presenti anche i parcheggi e aree a verde”. La pratica è stata votata favorevolmente all'unanimità.

Il punto successivo ha visto in discussione la disciplina per il recupero dei sottotetti e dei locali, estensione dell’applicabilità agli edifici esistenti e approvazione della disciplina urbanistica. “Una pratica che ha grande valenza per il nostro territorio dove dobbiamo recuperare quei volumi che appartengono al costruito e impediscono un consumo del territorio - ha spiegato l'assessore Donzella - esistono dei fabbricati legati alla storia di Sanremo, volevamo che un intervento dovesse migliorare l'aspetto estetico e mai peggiorarlo. Oggi si dà la possibilità di utilizzare i volumi esistenti se esistenti alla data del 29 novembre 2014. È un intervento autonomo rispetto al PUC anche se si coordina con il PUC. Diamo la possibilità di un incremento del 20% del volume esistente, un innalzamento di un metro e di quegli interventi sugli immobili che non hanno caratteristiche architettoniche che andrebbero a degradare”.
Siete stati bravi a portare questa pratica un mese prima della fine dell'anno - ha aperto la discussione il consigliere Bellini - adottiamo questa disciplina che permette ai fabbricati di usufruire dei vani sottotetto, aggiungiamo un ulteriore tassello alla dinamica del PUC. In aggiunta si è introdotta una normativa per migliorare l'impatto dei recuperi che tante volte non erano conformi alle realtà circostanti”.
Il voto unanime in commissione è stato convinto perché è una misura che va incontro alle esigenze della cittadinanza e consente adeguamenti senza sprecare altro suolo - ha aggiunto Artioli - per i prossimi anni bisogna pensare a dei piani di riqualificazione urbana complessiva a fronte dell'abbattimento di più stabili per formarne uno più grande ma che abbiano un senso”. Nel proprio intervento, tra l'altro, Artioli ha fatto riferimento alla costruzione di quella che lui ha definito una “astronave” su un palazzo storico all'inizio di via Fiume.
Dai banchi della maggioranza ha proseguito Giorgio Trucco (PD): “Questa pratica ha una grande valenza perché dà possibilità espansive alle famiglie e opportunità alle figure professionali. Mi stupisce l'accanimento del consigliere Artioli su una certa persona e devo dire che il progetto che lei ha indicato è stato studiato da professionisti per una soluzione architettonica coerente e ben ambientata con il contesto dell'edificio che lei ha criticato”.
Voteremo favorevolmente la pratica - ha dichiarato Baggioli - è vero che la pratica dei sottotetti è fondamentale per il comparto dell'edilizia, in concomitanza con i vari bonus, sono convinto che tale circostanza porterà a un aumento degli oneri di urbanizzazione per il Comune”.
Voto favorevole anche da parte del gruppo di Fratelli d'Italia, come si evince dalle dichiarazioni del consigliere Lombardi: “Sappiamo di un proficuo confronto con gli ordini professionali che andrà a soddisfare tutte le esigenze oltre a quelle della popolazione”.
Come annunciato, la pratica è stata approvata all'unanimità.

La pratica successiva è stata presentata dai gruppi di opposizione e ha riguardato l'articolata vicenda per la cessione della RSA di Poggio 'Casa Serena'. “Eravamo interessati a capire se nelle ultime settimane è cambiato qualcosa a livello occupazionale - ha spiegato il consigliere Lombardi - se i sei dipendenti erano rientrati dal 1° novembre come ci era stato evidenziato e chiedevamo se l'amministrazione ha un controllo di quello che succede all'interno della RSA sul piano delle pulizie, il numero degli ospiti o altri dati che possono interessare. Capire se l'attività è valorizzata o abbattuta”.
Voglio ribadire l'attenzione di tutta l'amministrazione da quando si è deciso di mettere in vendita 'Casa Serena' mettendo nel bando di gara il mantenimento delle stesse rette salvo l'adeguamento Istat - ha risposto l'assessore ai Servizi Sociali, Costanza Pireri - in più, a tutela della nostra città, mantenere 15 posti per persone assistite da Comune mantenendo le stesse rette in vigore al 2021. Il bando di gara è stato fatto a tutela di tutte le persone”. L'assessore Pireri ha poi letto la relazione degli uffici sull'attuale situazione di 'Casa Serena'.
Per i dipendenti comunali, stiamo lavorando per portarli in Comune e i tempi previsti vanno a gennaio o febbraio - ha risposto il sindaco Biancheri - la volontà rimane quella già espressa e stiamo lavorando per mantenere gli impegni”.
Gli avvocati si stanno confrontando per arrivare alla cessazione della materia del contendere - ha aggiunto l'assessore con delega al Personale, Silvana Ormea - lavoreranno per trovare una soluzione per non aspettare l'udienza di gennaio”.

Il consiglio comunale è proseguito con l'assessore Lucia Artusi per l'esposizione della pratica per la rimonda del secco e l’abbattimento di alcune palme colpite da punteruolo rosso (leggi la notizia cliccando QUI) oltre a due interventi sulla fogna: la riparazione della pompa stazione sollevamento giardini Vittorio Veneto e il ripristino del collettore fognario corso Trent o e Trieste.
L’ultimo punto all’ordine del giorno ha visto la votazione in merito ai lavori per la riparazione dei collettori fognari nei torrenti (leggi la notizia cliccando QUI).

Files:
 ODG Totalitarismi (52 kB)

Pietro Zampedroni

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium