/ Cronaca

Cronaca | 11 ottobre 2021, 17:11

Taggia: discarica abusiva di vestiti a lato dei bidoni Caritas, spazio ripulito ma ora si pensa a come contrastare il fenomeno

Nel pomeriggio il personale di Amaie Energia ha ripulito l'area dei bidoni Caritas nel parcheggio alle spalle del Comune di Taggia.

Taggia: discarica abusiva di vestiti a lato dei bidoni Caritas, spazio ripulito ma ora si pensa a come contrastare il fenomeno

Nel pomeriggio il personale di Amaie Energia ha ripulito l'area dei bidoni Caritas nel parcheggio alle spalle del Comune di Taggia. In pochi giorni, alcuni sacchetti abbandonati a lato dei cassonetti gialli sono diventati una vera e propria discarica abusiva che ha invaso le aiuole circostanti e il posteggio. 

Non è chiaro chi possa aver agito in questo modo ma indubbiamente denota un profondo senso di inciviltà. Infatti da un controllo sui bidoni gialli è emerso che questi erano completamente vuoti. Quindi, anche ammesso, che qualcuno volesse destinare questi vestiti e gli altri indumenti alle persone bisognose, non conferendoli all'interno e abbandonandoli in strada, ne ha fatto solo dei rifiuti. Il personale di Amaie Energia ha effettuato alcuni giri per raccogliere tutti i sacchetti e ora li smaltirà come indifferenziato. Non è da escludere che quanto trovato possa essere sommariamente analizzato nella speranza che in mezzo a questi rifiuti si possa celare qualche indizio utile a risalire all'identità dei responsabili. 

Quanto accaduto a pochi metri dal Comune è solo l'ultimo episodio di una lunga serie di ritrovamenti analoghi. In numerose altre occasioni l'ufficio ambiente ha dovuto fare i conti con queste improvvise discariche abusive di vestiti sorte in prossimità dei bidoni gialli. Un problema che l'amministrazione comunale vuole iniziare a risolvere in quanto queste cataste di vestiti abbandonate ledono il decoro cittadino, senza contare che non possono essere usate per donarle a chi ne avrebbe bisogno. Nei prossimi giorni ci sarà un confronto per prendere delle decisioni, sia che si tratti di rimuovere i bidoni, ad esempio ricollocandoli, oppure mantenerli e attenzionarli con delle fototrappole.

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium