Elezioni comune di Diano Marina

 / Attualità

Attualità | 11 luglio 2021, 07:27

Sanremo: I Deplasticati ci portano alla scoperta del Seabin, il 'cestino del mare' che hanno contribuito a donare a porto vecchio

È in grado di catturare più di 500 kg di rifiuti all'anno

Il sea bin di porto vecchio

Il sea bin di porto vecchio

Quando gli ideatori e creatori del Seabin, i due giovani australiani Pete Ceglinski e Andrew Turton, entrambi impegnati nel settore nautico, con la passione per il surf e le immersioni, durante queste loro attività vedono la plastica arrivare in mare portata dai fiumi hanno l'illuminazione di applicare in acqua lo stesso concetto che esiste sulla terra ferma: un cestino per i rifiuti. Sviluppano quindi il Seabin (letteralmente "cestino del mare"), un contenitore galleggiante realizzato con materiali riciclabili che risucchia e raccoglie i rifiuti dall'acqua attraverso una pompa.

Rifiuti che possono essere detriti in genere, micro fibre, mozziconi di sigaretta, oli superficiali a base di petrolio e detergenti che vengono risucchiati attraverso cuscinetti assorbenti, ma soprattutto le micro plastiche. È in grado di catturare più di 500 kg di rifiuti all'anno, viene Installato anche nei laghi e soprattutto nei porti, che sono considerati punti critici di accumulo per il gioco di correnti che vi si crea. 

È stato sperimentato nei maggiori porti europei e statunitensi ed è sul mercato dal 2017. In Italia è arrivato grazie al progetto "Lifegate PlasticLess" che ha lo scopo di posizionare il maggior numero possibile di cestini per ripulire dalla plastica  il mediterraneo, plastica che può essere riutilizzata a scopo industriale o per la creazione di felpe e abbigliamento sportivo.

Come detto, Seabin è in grado di intercettare particelle di microplastiche, minuscole, leggere e che trasformandosi con il tempo in nano plastiche, sono in grado di penetrare direttamente nei muscoli dei pesci. Considerando che circa 8 milioni di tonnellate di plastica entrano negli oceani, la diffusione di questo incredibile aggeggio è quanto meno auspicabile per la salvezza dei mari.

Ma parliamo ora delle nostre acque, quelle della Liguria, partendo da Genova che ospita nel porto antico un Seabin che lavora da oltre un anno e che ha raccolto in questo lasso di tempo oltre 300 chili di rifiuti galleggianti, l'equivalente di 20.000 bottigliette di plastica. 

Arrivando in provincia di Imperia troviamo il primo cestino installato nel porto degli Aregai nel settembre 2019 mentre da giugno è presente anche a Sanremo e Bordighera. Nella nostra città ce ne sono già due: uno a PortoSole inaugurato l'8 giugno in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani, donato da Coop, mentre il secondo lavora dal 19 giugno nelle acque del porto vecchio nello specchio d'acqua prospiciente lo Yacht Club e la Canottieri. È su quest'ultimo arrivato che, come Deplasticati, vorremmo soffermarci: ci sta particolarmente a cuore.

Infatti la nostra associazione ha contribuito al suo acquisto con una raccolta fondi durata quasi due anni al termine dei quali, grazie alla generosità di molti, abbiamo raccolto 1.055 euro che sono stati devoluti a Med Yacht Services la quale a sua volta, grazie all'impegno del titolare Riccardo Ciani e del suo collaboratore Fulvio Papalia, ha provveduto ad acquistarlo e a donarlo al Comune di Sanremo. Siamo quindi particolarmente orgogliosi che un giovane gruppo come il nostro sia stato di aiuto in qualche modo, al nostro mare. Chi volesse vedere in azione il Seabin, la cui manutenzione è stata affidata ad Amaie, può andare in qualunque momento in corrispondenza del monumento ai Marinai e vederlo in azione.

Il 29 giugno, infine, è stato inaugurato quello di Bordighera in concomitanza di una giornata dedicata alla pulizia del porto.
L'auspicio è ovviamente che la diffusione del Seabin nei nostri porti si espanda sempre di più, ma nel frattempo ricordiamoci sempre che il rispetto e la tutela del mare parte dalle nostre case e dal nostro stile di vita. 

I Deplasticati

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium