/ Cronaca

Cronaca | 11 giugno 2021, 12:41

Arma di Taggia: ecco il 'decalogo' anti Covid da rispettare sulle spiagge, diversi i divieti con multe fino a 3.000 euro

Saranno vietati gli sport di gruppo e vengono confermate le distanze tra ombrelloni e tra le persone stese al sole.

Arma di Taggia: ecco il 'decalogo' anti Covid da rispettare sulle spiagge, diversi i divieti con multe fino a 3.000 euro

Un ‘decalogo’ sottoscritto in una specifica Ordinanza, firmata dal vice Sindaco Espedito Longobardi, per regolamentare l’utilizzo delle spiagge nella stagione balneare che è già partita.

Accade a Taggia, in relazione ovviamente alle spiagge di Arma, con l’Ordinanza che interviene a parziale deroga e modifica rispetto della precedente e in base a quanto disposto dalla Regione, sulle ‘Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali’ approvate dalla Conferenza delle Regioni e Province autonome nel maggio scorso.

I concessionari e gestori delle spiagge dovranno:
-. predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità;
- far accompagnare i clienti all’ombrellone da personale adeguatamente preparato (steward di spiaggia) che illustri ai clienti le misure di prevenzione da rispettare;
- definire il numero massimo di presenze contemporanee in relazione ai volumi di spazio ed ai ricambi d’aria ed alla possibilità di creare aggregazioni in tutto il percorso di entrata, presenza e uscita;
- rendere disponibili prodotti per l’igienizzazione delle mani per i clienti e per il personale, anche in più punti della struttura balneare;
- raccomandare l’accesso alle strutture balneari tramite prenotazione e mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni;
- impedire l’accesso alle persone con temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi, qualora il concessionario/gestore decida di effettuare il rilevamento all’ingresso;
- il personale presente alla postazione dedicata alla cassa dovrà indossare la mascherina ed avere a disposizione gel igienizzante per le mani; tale obbligo può essere derogato solo se la postazione è dotata di barriera fisica;
- favorire modalità di pagamento elettroniche, eventualmente in fase di prenotazione;
- riorganizzare gli spazi, per garantire l’accesso alla struttura in modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone ed assicurare il mantenimento di almeno un metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale. Se possibile dovranno essere organizzati percorsi separati per l’entrata e per l’uscita;
- favorire, per quanto possibile, l’ampliamento delle zone d’ombra per prevenire gli assembramenti soprattutto durante le ore più calde;
- assicurare un distanziamento tra gli ombrelloni (o altri sistemi di ombreggio) in modo da garantire una superficie di almeno 10 m² per ogni ombrellone, indipendentemente dalla modalità di allestimento della spiaggia (per file orizzontali o a rombo);
- garantire una distanza di almeno 1 mt. tra le attrezzature da spiaggia (lettini/sedie a sdraio), quando non posizionate nel posto ombrellone;
- effettuare regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, etc., comunque assicurata dopo la chiusura dell’impianto;
- effettuare la disinfezione delle attrezzature, come ad esempio lettini, sedie a sdraio, ombrelloni, etc., ad ogni cambio di persona o nucleo familiare. In ogni caso la sanificazione deve essere garantita ad ogni fine giornata.

Nel decalogo viene confermato il divieto di praticare attività ludico-sportive di gruppo che possano dar luogo ad assembramenti. nelle strutture dotate di esercizio pubblico di somministrazione,  infine, dovranno essere osservate le specifiche ulteriori linee guida approvate per i servizi di ristorazione.

Dal 15 giugno, nelle spiagge libere verrà posizionata una cartellonistica, anche in lingue straniere, poer fornire una adeguata informazione sulle misure di prevenzione e sulle prescrizioni comportamentali impartite dal Comune.

I fruitori delle spiagge dovranno: mantenere un adeguato distanziamento volto garantire che le postazioni per massimo 4 persone abbiano una superficie di 10 m², mantenere un adeguato distanziamento volto garantire che le postazioni per una persona abbiano una superficie di 4 m², garantire che vi sia una distanza di almeno 1 metro tra gli asciugamani distesi a terra e le attrezzature da spiaggia (ombrelloni, sdraio, sedie, lettini e altro). Situazione analoga per il distanziamento tra gli ombrelloni (o altri sistemi di ombreggio) in modo da garantire una superficie di almeno 10 m² circa per ogni postazione.

Le violazioni prevedono una sanzione amministrativa da 400 a 3.000 euro.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium