Leggi tutte le notizie di 2 CIAPETTI CON FEDERICO ›

Cronaca | 14 maggio 2021, 18:24

Firenze: nelle motivazioni della Corte d'Appello "Martina Rossi ha tentato di sottrarsi a uno stupro"

"Venne aggredita da entrambi gli imputati, che erano in preda a effetto di stupefacenti, forse hashish. La giovane reagì con forza a questa aggressione ingaggiando, sicuramente con Alessandro Albertoni, una colluttazione a seguito della quale provocò dei graffi al collo dell'imputato”.

Firenze: nelle motivazioni della Corte d'Appello "Martina Rossi ha tentato di sottrarsi a uno stupro"

"Gli elementi indiziari che il processo ha faticosamente acquisito sono tutti convergenti nell'affermare, al di là di ogni ragionevole dubbio, che Martina Rossi la mattina del 3 agosto 2011 precipitò dalla camera 609 dell'albergo Santa Ana di Palma di Maiorca nel disperato tentativo di sottrarsi a una aggressione a sfondo sessuale posta in essere in suo danno da entrambi gli imputati”.

Queste le motivazioni della sentenza della Corte di Appello di Firenze che, il 28 aprile scorso aveva condannato a 3 anni di reclusione, Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi per tentata violenza sessuale di gruppo. Nelle motiviazioni i giudici sostengono che “Martina Rossi venne aggredita da entrambi gli imputati, che erano in preda a effetto di stupefacenti, forse hashish. La giovane reagì con forza a questa aggressione ingaggiando, sicuramente con Alessandro Albertoni, una colluttazione a seguito della quale provocò dei graffi al collo dell'imputato”.

Secondo la Corte d’Appello viene escluso il suicidio della giovane genovese che ha anche vissuto a Imperia: “Molti testimoni nel processo l’hanno definita solare, soddisfatta del percorso universitario, ricca di progetti per il proprio futuro da condividere con le amiche”. Sempre secondo i giudici il racconto di Albertoni e Vanneschi “E’ nella quasi totalità falso e assolutamente privo di credibilità”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

mercoledì 16 giugno
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium