/ Attualità

Attualità | 04 maggio 2021, 17:52

Sanremo: tutela del verde pubblico, nasce il comitato spontaneo per il paesaggio, gli alberi ed il territorio

L'iniziativa è figlia dell'esposto firmato dall'ex consigliere comunale Luciana Balestra

Sanremo: tutela del verde pubblico, nasce il comitato spontaneo per il paesaggio, gli alberi ed il territorio

L'esposto per la tutela della pineta di N.S. della Guardia a Poggio, di Luciana Balestra è stato il seme da cui è nato il Comitato spontaneo P. A.T. per il paesaggio, gli alberi ed il territorio della Riviera dei Fiori. “Il gruppo non ha e non vuole colore politico perché, ritenendo l’argomento trasversale e di interesse collettivo, pur accogliendo ovviamente il supporto di qualsiasi cittadino o forza politica, vuole mantenersi indipendente” dichiarano i promotori.

Obiettivo ed attività del P.A.T. - prosegue la nota dei fondatori - sono promuovere una gestione del verde urbano volta al mantenimento e non alla sostituzione e divulgare informazioni e normative di settore ai cittadini che avranno così gli strumenti per svolgere la funzione civica di vigilanza attiva sull'operato delle amministrazioni. I primi risultati di queste azioni sono la recente vicenda di un Eucalyptus in via privata Scoglio che è scampato ad abbattimento, secondo l'Ufficio Beni Ambientali previsto "per errore", grazie all'allarme di una cittadina supportata dal PAT; o la scampata potatura di platani di corso Garibaldi e chiosco Ruffini dopo che numerosi cittadini hanno chiesto chiarimenti sia agli uffici preposti che ai carabinieri forestali sul mancato rispetto della legge che vieta la potatura in periodo vegetativo di tali piante”.

La preoccupazione recente è verso gli interventi previsti su due platani di via Ruffini, dove il 3 maggio è apparso l’avviso di una delibera dirigenziale per interventi di manutenzione non meglio specificata previsti per il 5 maggio, cioè con soli due giorni di preavviso per la cittadinanza - proseguono dal P.A.T. - è evidente che il massiccio numero di abbattimenti (escluse le palme, circa 100 esemplari all'anno dal 2008 ad oggi) sta determinando un brusco peggioramento del paesaggio urbano sotto gli occhi di residenti e non: viali alberati resi discontinui o quasi del tutto eliminati, sostituzione di alberi dal portamento maestoso con esemplari giovani ed esili di inesistente impatto visivo, orrori paesaggistici quali quelli operati su alberi di Araucaria e capitozzature. Pertanto di fronte alla disinvoltura con cui si da seguito ad abbattimenti e sostituzioni, è nato il Comitato PAT per vigilare sullo stato di manutenzione di giardini, viali alberati, verde urbano e paesaggistico, raccogliere e promuovere il senso di appartenenza dei cittadini al patrimonio arboreo urbano e paesaggistico, sensibilizzare la stampa e le amministrazioni a perseguire e promuovere una gestione di salvaguardia”. 

Chiunque può iscriversi facendo domanda a comitatopat@gmail.com

comitatopat@gmail.com

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium