/ Attualità

Attualità | 19 aprile 2021, 07:11

Taggia: arriva il regolamento per la gestione dei beni comunali, Negroni "Mettiamo ordine per sanare situazioni non chiare"

Il documento passerà dall'approvazione del consiglio comunale che dovrebbe svolgersi la prossima settimana.

Maurizio Negroni, assessore al patrimonio

Maurizio Negroni, assessore al patrimonio

Il Comune di Taggia è pronto a introdurre il regolamento per la gestione del patrimonio. Si tratta di una modifica importante che in parte interverrà sul discorso delle alienazioni ma soprattutto andrà a incidere nella gestione dei rapporti con le moltissime associazioni presenti sul territorio comunale. 

Il documento passerà dall'approvazione del consiglio comunale che dovrebbe svolgersi la prossima settimana. Il regolamento del patrimonio definirà quali siano i beni assegnabili, il loro valore e quindi andando così a influire sulla loro gestione. Pensiamo ad esempio, alle strutture sportive (ma non solo quelle) e ai canoni versati dalle associazioni.

"L'obiettivo principale è di andare a mettere ordine dove non c'è mai stato - ci tiene a sottolineare l'assessore al patrimonio, Maurizio Negroni - Dalla fine del 2020 ho ricevuto questa delega e mi sono subito fatto carico di questa pratica che potrebbe essere considerata spinosa".

"In questi mesi siamo partiti con un censimento puntuale dei nostri beni disponibili e indisponibili. Abbiamo trovato una situazione complessa che andava avanti da almeno 15 - 20 anni. C'è stato un impegno forte da parte degli uffici che hanno lavorato strenuamente per arrivare al regolamento. - prosegue - Abbiamo trovato un censimento dei beni comunali, dal punto di vista catastale, quindi un elenco dei beni affiancato da una gestione in affidamento fatta da tante delibere e talvolta situazioni poco chiare. Ci sono posizioni da sanare. Alcuni casi in cui per le difficoltà a reperire la documentazione, c'è poco e niente di ufficializzato o dove non sono stati stabiliti i canoni in maniera chiara".

"Con il regolamento intendiamo mettere fine a questo sistema andando letteralmente a mettere ordine. Da un lato interverremo sulla gestione spicciola, ordinaria e corrente ma ci rivolgeremo anche e soprattutto alle associazioni e alle realtà che necessitano di una sede o di strutture. Ci sono tante richieste e cercheremo di dare risposte. - assicura l'assessore - Abbiamo cercato di aiutare le associazioni che svolgono attività di valenza sociale. L'idea è di favorire queste realtà con canoni che siano calmierati, se non addirittura simbolici". 

"L'altro aspetto che riguarda il patrimonio comunale sono i costi di gestione dei nostri beni. Nei limiti del bilancio cercheremo di effettuare interventi conservativi e messa in sicurezza" - conclude Negroni. 

La partita sul patrimonio di Taggia avrà dei risvolti importanti nei mesi a venire. A partire dall'approvazione del regolamento ma ricordando le numerose partite aperte: le ex Caserme Revelli o la Piscina, soltanto per citarne due tra i beni già in possesso del Comune.  

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium