/ Attualità

Attualità | 07 aprile 2021, 17:11

Sanremo: quarantena alla scuola di via Volta, ecco perché la comunicazione è arrivata alle famiglie solo ieri

Parla il dott. Mele di Asl1: “Una docente residente in Calabria ha fatto il tampone il 2 ma ha avuto il risultato solo ieri”

La scuola di via Volta

La scuola di via Volta

Tiene banco nelle ultime ore il caso della scuola di via Volta, finita in quarantena a scoppio ritardato. Le famiglie hanno saputo solo ieri che i loro bambini erano in quarantena dal 31 marzo: le vacanze di Pasqua, quindi, sono state vissute nella totale inconsapevolezza di una potenziale positività.

Cosa non ha funzionato le sistema di informazione interna? Cosa ha portato Asl1 e direzione scolastica ad avvisare le famiglie solo una settimana dopo l’entrata in vigore della quarantena? Ne abbiamo parlato con il dott. Marco Mela, direttore Igiene Pubblica della Asl1. “Il principio della quarantena si basa sul fatto che una persona che risulta positiva è contagiosa da due giorni prima del tampone - spiega ai nostri microfoni il dott. Mela - in via Volta abbiamo avuto docenti e personale Ata che hanno fatto il tampone i primi giorni di aprile, erano sintomatici dal 1° e, quindi, contagiosi dal 30”.

Quindi, perché la quarantena è stata comunicata solo ieri? Spiega il dott. Mela: “Il quarto caso, quello che ha portato alla chiusura della scuola, riguarda una docente residente in Calabria dove i tempi del referto non sono stati rapidi: l’ha fatto il 2 e ha avuto il risultato ieri. Poi ce lo ha comunicato e abbiamo dato la chiusura della scuola. È arrivato tardi siccome non l’ha fatto in Asl1, qui al massimo nel giro di 24 ore viene recuperato il positivo e si attiva l’indagine”.

Ora Asl1 e la direzione scolastica sono al lavoro per pianificare il rientro con l’ipotesi di un tampone per tutta la ‘popolazione’ di via Volta. “Se ci sarà la richiesta da parte del dirigente, vedremo di effettuare un eventuale tampone per tutti in vista del rientro - spiega il dott. Mela - i docenti lo faranno automaticamente, per gli studenti vedremo”.

Pietro Zampedroni

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium