Leggi tutte le notizie di SALUTE E BENESSERE ›

Infermiere e salute | 07 marzo 2021, 07:05

Per 'Infermiere e salute' oggi i consigli per contrastare le allergie domestiche

Improprie abitudini alimentari aggravano molti problemi di salute, tra cui l'asma e le allergie stagionali

Per 'Infermiere e salute' oggi i consigli per contrastare le allergie domestiche

Improprie abitudini alimentari aggravano molti problemi di salute, tra cui l'asma e le allergie stagionali. Studi medici hanno più volte concluso che gli antiossidanti che si trovano in frutta, verdura, noci, semi, tè verde, e altri alimenti e bevande sono un valido aiuto nella  battaglia contro l’ infiammazione, un fattore critico nel controllo delle allergie. (Naturalmente, ad un alimento ricco di antiossidanti  si potrebbe essere allergici.. quindi.. meglio evitare.) Anche mangiando  più alimenti ricchi di omega-3.  come pesce, uova, noci e olio di lino, possono essere validi aiutanti .

Perdere i chili in più.
Portare un eccesso di peso rende più difficile respirare, un problema che sarebbe meglio evitare  quando si è affetti da allergie. Più grasso intorno all'addome rende difficile la normale espansione  dei polmoni e del  diaframma.

Ridurre lo stress.
Ogni volta che si è di fronte con un fattore di stress, il  corpo rilascia una cascata di ormoni . Essi, a loro volta, inviano una raffica di segnali a varie parti del corpo per prepararlo per l'azione. Se questo accade giorno dopo giorno, senza un reale sforzo fisico, lo stress può infliggere un danno modificando il sistema che si suppone costruito per proteggere la vostra salute: il sistema immunitario. Un sistema immunitario indebolito aumenta le probabilità di reazioni allergiche. Imparare a controllare lo stress, o, per lo meno, il modo in cui si reagisce allo stress può essere un valido aiuto.

Assumere i farmaci prescritti in maniera regolare
I seguenti rimedi alternativi, se abbinati con i farmaci prescritti dal medico (mai sospenderli o modificarli senza aver consultato uno specialista), possono alleviare i sintomi di allergia:  un integratore multivitaminico e minerale al giorno che comprende il magnesio, il selenio, la vitamina C, vitamina E, e di tutte le vitamine del gruppo B.  Una tazza di menta piperita o camomilla ogni sera prima di dormire.  La scelta di integratori a base di erbe, una dose giornaliera di echinacea preso per due settimane. Nel dubbio chiedere al vs medico.

Mantenere l'aria condizionata e filtri puliti
E 'importante cambiare i filtri ogni tre mesi e utilizzare filtri con un rating di filtrazione alto (La norma UNI 10339 suddivide media efficienza (M) i filtri di classe da 1 a 4 e ad alta efficienza (A) quelli di classe da 5 a 9, ed altissima efficienza o filtri assoluti (AS) quelli da 10 a 17, e raccomanda che sia filtri di tipo A che di tipo AS devono essere preceduti da filtri della categoria precedente). Lasciare le porte e le finestre aperte a lungo è un buon modo per invitare gli allergeni e altre sostanze irritanti ad entrare  all'interno della vostra casa (tra l’altro favorendo l’ingresso di aria fredda a scapito del riscaldamento: 10 minuti sono  più che sufficienti in inverno). ( Lo stesso in macchina, tra l'altro) Evitare di utilizzare ventilatori per raffreddare le camere; essi possono creare turbolenza e sollevare gli allergeni. Accendere il deumidificatore. Si dovrebbero tenere i livelli di umidità inferiori al 50 per cento per uccidere gli acari della polvere, ma mai sotto  il 30 per cento per evitare di rendere la vostra casa troppo asciutta ottenendo l’effetto contrario.

Piccoli accorgimenti  già dalla porta d’ingresso
Un zerbino fatto di materiali naturali (come corda o altre fibre) possono diventare un buon ambiente per gli acari, muffe, funghi e che poi vengono portati in casa. Utilizzarne uno sintetico, e lavare tutti i tappetini settimanalmente. Inoltre, togliete  insetti morti nelle luci esterne: come si decompongono, diventano fonte di allergene. Infine, sarebbe il top, ma immagino un po’  difficile da attuare,  mettere un porta scarpe alla porta d'ingresso. Incoraggiate la vostra famiglia e gli ospiti a togliersi le scarpe quando si entra, fornendo loro ciabattine . Questo riduce la quantità di polvere, muffe e altri allergeni in maniera significativa.

Rileva punti critici in casa

Può non sembrare logico, ma l’interno della casa è spesso peggiore per le allergie rispetto a quello esterno: mobili ricoperti di tessuti e cuscini, moquette, finestre ermeticamente sigillate, ambienti umidi possono contribuire ad allergie

De-allergizzare l’armadio
Conservare i vestiti in sacchetti di plastica con cerniera e scarpe in scatole. Rinunciare assolutamente alla naftalina a favore di palline  di cedro. È anche possibile inserire i capi in freezer per alcuni giorni per uccidere le tarme e larve. Inoltre, controllare gli angoli e le pareti per la muffa.  Far aerare bene l’armadio ad intervalli regolari

Tenere la muffa fuori dal bagno
Assicurarsi che i servizi igienici siano installati correttamente e quindi  non ci siano perdite nelle pareti o pavimenti, che potrebbero favorire la muffa. Inoltre, lavare la tenda della doccia in acqua calda una volta al mese,e  se si sfaldasse, sostituirla. Si dovrebbe anche lavare il tappetino da bagno in acqua calda ogni settimana. Aerare il locale dopo il bagno o la doccia. Avere un piccolo misuratore di umidità da pochi euro può darvi l’idea del grado di umidità dei vari ambienti.

Tieni la cucina sotto controllo
Mettere i contenuti di tutte le scatole aperte di cibo in contenitori ermetici per scoraggiare gli insetti. Pulire il cassetto sotto il frigorifero con una soluzione di candeggina. Non dimenticare di controllare sotto il lavandino, muffe e batteri ci vanno a nozze. Vaschette con stracci umidi sono un albergo!

Pulire il salotto
Un divano in tessuto trattiene molti più allergeni rispetto ad un divano in pelle o sintetico. Quindi chi possiede un divano in tessuto deve porre maggiore attenzione nella manutenzione, arieggiando i cuscini, utilizzare aspirapolvere con filtro e  prodotti acaricidi. Lo stesso vale per i tappeti ed i quadri.

Piano interrato
Ricordate che l’igiene parte sempre dai piani bassi a salire poi verso l’alto. Come tutti il piano interrato diventa un po’ il magazzino di casa, e di conseguenza le Maldive di acari, muffe  e batteri: liberatevi delle cose inutili, donatele a  chi  ne avesse bisogno: EVITATE INUTILI ACCUMULI ed eseguite una bella sanificazione ad ogni cambio stagionale.

Lavarsi  i capelli prima di coricarsi
Una adeguata igiene prima di andare a letto aiuta a rimuovere il polline dai capelli e dalla pelle, lo stesso dicasi per cani  e gatti che, se dormono nella nostra stanza, dovrebbero essere puliti con una salvietta igienizzante per togliere un po’ di polvere accumulata durante il giorno (ricordate anche l’igiene dei loro giacigli).

Più o meno queste sono le indicazioni di base per vivere in un ambiente più sano, evitando così picchi allergici proprio nel posto dove dovremmo essere più al sicuro. Vi auguro una buona settimana all’insegna del buon umore e della serenità. 

Bibliografia
· Lieberman Phil-Anderson John A., Malattie allergiche. Diagnosi e terapia; MASSON 2001
· Larsen Adams, Dermatite da contatto - Atlante; Micarelli 1994
· Maurizi, Le riniti allergiche e vasomotorie; Mediserve
· Lambiase Alessandro-Sgrulletta Roberto-Ghinelli Emiliano, Congiuntiviti Allergiche: Diagnosi e trattamento (LE); Fabiano 2000
· Lombardi Carlo-Passalacqua Giovanni, Asma Bronchiale allergico; Mattioli 1885, 2002
· De Luca Luciana, Allergia alimentare. Acquisizioni scientifiche, aspetti clinici, riflessi (L') sociali; Florio 1991
· Lotti Torello, Orticaria. Nuovi concetti e nuove terapie (L'); UTET DIV. periodici Scie 2001
· Gennaro D'Amato, "Asma bronchiale, Allergologia Respiratoria e Broncopneumopatie croniche ostruttive" Mediserve 2008

Disclaimer: tutti gli articoli redatti dal sottoscritto, si avvalgono dei maggiori siti e documenti basati sulle evidenze, ove necessario sarà menzionata la fonte della notizia: essi NON sostituiscono la catena sanitaria di controllo e diagnosi di tutte le figure preposte, come ad esempio i medici. Solo un medico può effettuare la diagnosi ed approntare un piano di cura.

Le fonti possono non essere aggiornate e allo stato dell’arte possono esservi cure, diagnosi e percorsi migliorati rispetto all’articolo. Immagini, loghi o contenuti sono proprietarie di chi li ha creati, chi è ritratto nelle foto ha dato il suo consenso implicito alla pubblicazione. Le persone intervistate, parlano a titolo personale, per cui assumono la completa responsabilità dell’enunciato, e dei contenuti.

Il sottoscritto e Sanremonews in questo caso non ne rispondono.

L'Infermiere è un professionista sanitario laureato il cui compito è la somministrazione della cura, il controllo dei  sintomi e la  cultura all’ Educazione Sanitaria.

                                                                                                  Roberto Pioppo

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium