/ Cronaca

Cronaca | 02 marzo 2021, 12:00

San Bartolomeo al Mare, due famiglie sfollate a causa dell'esplosione in piazza Verdi. Urso: "Il comune ha messo a disposizione degli appartamenti d'emergenza"

Una bombola del gps è scoppiata e ha generato un incendio. Alcune case sono state danneggiate e i vigili del fuoco stanno compiendo la bonifica, ma al momento non ci sono le condizioni di sicurezza per permettere il rientro dei due nuclei familiari

San Bartolomeo al Mare, due famiglie sfollate a causa dell'esplosione in piazza Verdi. Urso: "Il comune ha messo a disposizione degli appartamenti d'emergenza"

Ci sono due famiglie sfollate a San Bartolomeo al Mare a seguito dell'esplosione avvenuta questa notte all'interno di una abitazione in piazza Verdi. Secondo i primi accertamenti, compiuti dai vigili del fuoco, è scoppiata una bombola di gpl collocata all'interno di un appartamento sito all'ultimo piano. 

L'esplosione ha generato un incendio e ha semidistrutto il tetto della palazzina. Fortunatamente l'appartamento ero disabitato in quanto viene usato come seconda casa poichè i proprietari non sono residenti del posto. A causa dell'incendio due persone sono rimaste ferite e trasportate al 'Santa Corona' di Pietra Ligure. 

Le attività di bonifica e messa in sicurezza dell'area sono ancora in corso da parte dei vigili del fuoco mentre i Carabinieri stanno compiendo accertamenti per ricostruire l'esatta dinamica del fatto. Occorre appurare infatti, se si è trattato di un fatto doloso oppure se vi sia una diretta responsabilità da parte di qualcuno.

Al momento il Comune ha provveduto a trovare una sistemazione alle due famiglie che, per ragioni di sicurezza, non possono rientrare nelle proprie case poichè adiacenti a quella in cui si è registrato il rogo. 

"Nella notte ho appreso la notizia, dichiara il sindaco Valerio Urso, al momento c'è il massimo riserbo sulle indagini in corso nel frattempo si sta provvedendo a mettere in sicurezza le abitazioni lesionate. Abbiamo approntato degli appartamenti di emergenza di proprietà del comune per accogliere gli sfollati. Ci sono le palazzine adiacenti da mettere in sicurezza e i vigili del fuoco hanno disposto la chiusura del quadrilatero, dove insistono queste case. Fortunatamente la gran parte di esse, conclude Urso, vengono usate come seconde case in periodi estivi o feriali. Abbiamo contattato i proprietari che adesso si stanno recando presso le proprie case per mettere in sicurezza le abitazioni e avviarne la bonifica"

 

Angela Panzera

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium