/ Attualità

Attualità | 23 febbraio 2021, 07:11

Chiudono le scuole per 10 giorni: al Festival selfie poco 'distanziati' e chi controlla da domani i giovani per le strade? (Foto)

La domanda sorge come alcune settimane fa quando, a scuole superiori chiuse, i ragazzi entravano comunque in contatto nei luoghi di aggregazione. Da domani saranno liberi di avvicinarsi ai propri beniamini del Festival durante 10 giorni lontano dai plessi scolastici. Chi controllerà?

Chiudono le scuole per 10 giorni: al Festival selfie poco 'distanziati' e chi controlla da domani i giovani per le strade? (Foto)

Mentre da Genova il Presidente Giovanni Toti (QUI) annuncia una nuova ‘stretta’ alle normative anti Covid, con la chiusura delle scuole per 10 giorni tra domani e il 5 marzo, a Sanremo proseguono le prove del Festival della Canzone.

Nel massimo rigore attorno e dentro l’Ariston (ma anche con qualche selfie troppo ‘ravvicinato’) le prove di ieri sono state scosse dall’ufficialità del forfait di Naomi Campbell, che sarà sostituita da un’altra ‘top model’, questa volta italiana, Vittoria Ceretti. Secondo quanto confermato da Amadeus, il no di Naomi  è arrivato a seguito delle nuove restrizioni anti Covid negli Stati Uniti.

Ora ci si interroga sulle decisioni della Regione, per le città tra Ventimiglia e Sanremo, con la chiusura totale di bar e ristoranti nel distretto socio sanitario ventimigliese e delle scuole fino a Santo Stefano al Mare. Ma a Sanremo si 'prova' all’Ariston come se niente fosse. Ieri è toccato, tra gli altri, ad Annalisa e Samuele Bersani ma, dalle foto del nostro Tonino Bonomo, emerge anche qualche ‘leggerezza’ di fan e semplici passanti che, come vedono l’Amadeus e il Fiorello di turno, non pensano più al Covid e si fiondano, cellulare alla mano, per un selfie senza distanziamento sociale.

Sempre in tema di distanziamento viene naturale interrogarsi sul cosa accadrà da domani, quando chiuderanno le scuole. Già alcune settimane ci eravamo chiesti il motivo per cui i ragazzi lavorassero al mattino ‘a distanza’ e poi, nel pomeriggio, trascorrevano ore ed ora insieme nei luoghi di aggregazione della nostra provincia. E, da domani, a scuole chiuse saranno liberi di andare a ‘caccia’ di cantanti e propri beniamini fino alla conclusione del Festival.

Ecco la domanda che ci poniamo è questa: “Ha senso tutto ciò?” Ma anche “Al mattino si chiudono le scuole e, al pomeriggio, genitori e forze dell’ordine eviteranno i ‘contatti’ e il distanziamento tra i giovani?” Due semplici questioni che sottoponiamo a chi deve vigilare perché, se si chiudono le scuole, si deve anche controllare che i ragazzi non entrino in contatto tra loro in altre situazioni, per evitare che il virus possa ‘viaggiare’ ugualmente.

Visto che a Sanremo e zone limitrofe siamo stati tutti ragazzi, quale momento migliore per non andare a scuola (estate a parte)? Ovviamente durante il Festival per poter ‘vivere’ da vicino l’atmosfera della grande kermesse canora. Quest’anno sarà in tono minore, sicuramente, e anche se saranno installati i classici ‘varchi’ attorno all’Ariston prepariamoci ad assembramenti per la ricerca del ‘Vip’ vicino al teatro o agli alberghi. Rimane solo da dire “Speriamo bene!”

(Foto di Tonino Bonomo)

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium