/ Economia

Economia | 20 febbraio 2021, 07:00

Come affrontare stanchezza e affaticamento? Ritroviamo energia con 8 consigli

Gli otto consigli utili per affrontare stanchezza e affaticamento.

Come affrontare stanchezza e affaticamento? Ritroviamo energia con 8 consigli

Come ritrovare carica ed energia durante un periodo di forte stress? Tutti noi possiamo sperimentare periodi di stanchezza e affaticamento: si tratta di un calo energetico. Come recuperare? Con alcune buone abitudini e l’aiuto degli integratori Carnidyn. Capiamo meglio.

Perché possono insorgere stanchezza e affaticamento?

Tralasciando tutte le possibili condizioni patologiche responsabili di spossatezza e affaticamento, esistono alcune situazioni che possono causare un senso di stanchezza temporaneo:

Cambi di stagione 

L’insorgenza di affaticamento e spossatezza è una condizione abbastanza diffusa in prossimità dei cambi di stagione: infatti, il nostro organismo ha bisogno di tempo per allinearsi alle nuove condizioni climatiche.

Intensa attività lavorativa o di studio 

Spossatezza e affaticamento possono comparire soprattutto nei periodi in cui le attività lavorative o di studio si intensificano. Ciò può avvenire, ad esempio, a causa di scadenze, lavoro arretrato da smaltire, esami scolastici e universitari. Anche sensibili cambiamenti nella vita di ciascuno di noi possono esaurire le energie e causare forte stress.

Abitudini non regolari

Uno stile di vita irregolare caratterizzato da abitudini non corrette (insufficiente riposo notturno, consumo di pasti fuori orario, sedentarietà), potrebbe causare la comparsa di affaticamento e spossatezza.

Alimentazione inadeguata 

Una nutrizione sregolata e priva di un equilibrato apporto di nutrienti (come vitamine e sali minerali) contribuisce sensibilmente alla comparsa di condizioni di affaticamento e spossatezza. Infatti, gli alimenti sono il “carburante naturale” del nostro organismo, cioè l’energia preziosa da utilizzare nell’arco dell’intera giornata.

Condizioni ambientali 

In presenza di un clima particolarmente caldo e umido, la comparsa di affaticamento e spossatezza è normale. Inoltre, l’umidità può favorire un'abbondante sudorazione con una conseguente perdita di liquidi, sali minerali e aumento del rischio di disidratazione. Anche il passaggio alla stagione fredda può abbassare le nostre difese immunitarie e causare stanchezza e sonnolenza.

Allontaniamo la stanchezza e recuperiamo energia

Contrastare la stanchezza è possibile, iniziando da alcuni accorgimenti quotidiani. Scopriamo in che modo agire.

Affrontiamo a mente fresca le mansioni più impegnative

Cerchiamo di organizzare in modo proficuo i compiti che dobbiamo portare a termine entro la giornata lavorativa. Iniziamo a svolgere gli incarichi più urgenti e complicati. In questo modo, quando la nostra soglia di attenzione sarà più bassa, dovremo gestire solo incombenze meno impegnative.

Facciamo pause brevi e frequenti

Interrompere brevemente il nostro lavoro è utile per riposare, ricaricarci e continuare al meglio il nostro lavoro.

Usciamo a sgranchirci le gambe

Se ne abbiamo la possibilità, sgranchirci le gambe durante la pausa ci aiuterà a distenderci, allentare la stanchezza e riattivare la circolazione.

Riduciamo le fonti di distrazione 

Evitiamo di trascorrere tempo sui social mentre lavoriamo. Cerchiamo di mantenere l’attenzione sulla nostra attività principale senza consumare energia preziosa.

Rendiamo confortevole l'ambiente in cui lavoriamo o studiamo

Se ci è possibile, facciamo in modo di lavorare o studiare in un ambiente spazioso e luminoso. Liberiamo la scrivania da oggetti inutili, facciamo ordine. Ciò aiuterà la nostra mente a organizzarsi e concentrarsi meglio.

Seguiamo una dieta completa e ben equilibrata

Evitiamo abbuffate o pasti poveri di nutrienti. Seguire un’alimentazione completa di tutti i gruppi alimentari è fondamentale per l’organismo. Rinunciamo a dolciumi e snack confezionati. Sì a frutta secca e frutta fresca come spuntino energetico.

Idratiamoci

La disidratazione può causare senso di stanchezza e debolezza muscolare. Un apporto idrico ideale prevede almeno un litro e mezzo o due di acqua al giorno. Ricordiamo che bere acqua, succhi di frutta, frullati, estratti o centrifugati (specie in estate) sarà molto importante per equilibrare liquidi, vitamine e sali minerali, soprattutto se pratichiamo attività fisica e sudiamo abbondantemente. 

Utilizziamo un integratore alimentare mirato

In associazione alla dieta, possiamo utilizzare un integratore alimentare. Scegliamo un prodotto indicato per contribuire al normale metabolismo energetico necessario nei momenti di stanchezza fisica e mentale. Orientiamoci verso un prodotto con una formulazione equilibrata di vitamine e minerali, nutrienti coinvolti in diversi processi biologici che sostengono l’organismo

Inoltre, in caso di stanchezza fisica e di intensa sudorazione, associata al caldo o all’attività fisica intensa, può essere utile un integratore con una formulazione a base di sali minerali, vitamine per aiutare a bilanciare i nutrienti fondamentali per il metabolismo energetico e a mantenere un corretto equilibrio idrosalino.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium