/ Attualità

Attualità | 19 gennaio 2021, 15:15

Imperia, servizio civile: otto posti disponibili in Croce Bianca. Trincheri: "Un modo per aiutare gli altri e per entrare nella nostra grande famiglia"

Le domande potranno essere inoltrate entro il 15 febbraio. Il progetto 'Conta su di me', realizzato tramite Anpas, è riservato a giovani con un'età compresa tra i 18 e i 28 anni. Due posti sono riservati alla sede di San Lorenzo al Mare

Imperia, servizio civile: otto posti disponibili in Croce Bianca. Trincheri: "Un modo per aiutare gli altri e per entrare nella nostra grande famiglia"

“Questo è un modo non solo per acquisire conoscenze personali di primo soccorso, ma anche per entrare a far parte della nostra grande famiglia”. Commenta così Roberto Trincheri, presidente della Croce Bianca di Imperia, l’istituzione di otto posti del progetto di servizio civile nazionale, per un anno, rivolto ai giovani in un’età compresa tra i 18 ai 28 anni. La domanda può essere inoltrata entro il 15 febbraio.

L’iniziativa, denominata 'Conta su di me’', si inserisce nel più ampio programma 'Volontari per il soccorso e il trasporto sanitario in Liguria' che Anpas Liguria ha sviluppato per rispondere a bisogni diffusi su tutto il territorio regionale, articolando la programmazione su cinque diversi progetti che riguardano le 5 Asl regionali.  Tramite l’iniziativa si intende quindi implementare la capacità delle sedi locali di progetto di prendere in carico l’incremento della domanda sia per quanto concerne i servizi di trasporto sanitario e socio sanitario sia per quanto riguarda gli interventi di emergenza ed urgenza loro assegnati dal servizio 118 Imperia Soccorso. In particolare, per assicurare il servizio di emergenza ed urgenza che non può essere preventivamente programmato, è necessario incrementare il numero degli equipaggi disponibili per le diverse tipologie di intervento presso le sedi locali di progetto in soprattutto nelle fasce diurne. Tale incremento sarà reso possibile dall’inserimento dei giovani in servizio civile negli equipaggi, raddoppiando le risorse umane disponibili ed aumentando la potenzialità di risposta alla crescita del bisogno espresso dalla popolazione del territorio di riferimento.

“Siamo davvero contenti che abbiano stanziato i fondi, a livello nazionale, per questa tipologia di servizio- afferma Trincheri alla nostra testata- e quindi che si possa ripartire con le progettualità. Si tratta di un servizio attivo che in una prima fase riguarderà la formazione dei ragazzi. A meno che non siano già volontari, chi decide di effettuare il servizio civile presso di noi frequenterà un corso di primo soccorso e successivamente prenderà attivamente parte ai nostri servizi e attività. Si tratta di un’esperienza che sicuramente serve a livello personale perché appunto forniamo nozioni importanti di primo soccorso, ma poi permette di aiutare tante persone e di spendersi attivamente per il prossimo. Inoltre, prosegue il presidente della Croce Bianca, verremo incontro alle esigenze di tutti i partecipanti quindi chi studia, ad esempio, sarà messo in condizione di poter operare senza tralasciare le proprie attività. I posti in tutto sono otto. Di questi, due riguarderanno, principalmente durante l’estate, il nostro distaccamento a San Lorenzo al Mare, mentre gli altri sei riguardano la sede cittadina. Noi ci siamo tutto l’anno, 7 giorni su 7, 24 ore su 24, quindi il lavoro non manca e per questo abbiamo la possibilità di venire incontro alle esigenze dei ragazzi sul fronte della flessibilità degli orari. Il servizio civile è utile per se stessi, prosegue il presidente, perché comunque ti permette di acquisire competenze ed esperienze e comunque anche una remunerazione economica, ma è utile soprattutto per gli altri. Inoltre, conclude Trincheri, il servizio civile riconosce un certo punteggio. Certo bisogna impegnarsi, ma ne vale la pena. In Croce Bianca inoltre, molti ragazzi hanno iniziato così e poi sono rimasti a fare i volontari e alcuni sono anche state assunti. È una esperienza quindi che non si chiude all’esito dei 12 mesi, ma che continua se lo si vuole, anche nel futuro”.

Con questi nuovi 8 volontari di servizio civile le pubbliche assistenze inoltre, avranno la possibilità di fornire, in modo ancora più veloce il soccorso. Il fattore tempo infatti, è decisivo per tutti i servizi e in particolare per le emergenze. Secondo quanto riportato nel bando i volontari del servizio civile, una volta formati, si occuperanno del trasporto sanitario assistito e trasporti socio-sanitari. Il servizio consiste nella ricezione presso la centrale operativa dell’ente della richiesta con la quale l’utente (privato cittadino, ospedale, residenza per anziani, altra struttura sanitaria e sociosanitaria pubblica e/o privata) richiede il trasporto e l’accompagnamento assistito e/o protetto presso presidi sanitari, ospedalieri ed altre strutture di assistenza. La composizione delle squadre impegnate nelle attività di trasporto sanitario assistito e trasporto socio sanitario può variare, di norma, a seconda delle esigenze di servizio, da un minimo di due operatori ad un massimo di 4 operatori (ad esempio in funzione del grado di autonomia deambulatoria dei pazienti trasportati, del loro peso, delle loro condizioni generali). Nell’ambito dell’attività di trasporto sanitario assistito i volontari del servizio civile universale, congiuntamente agli altri componenti dell’equipaggio di cui faranno parte, saranno quindi chiamati a svolgere il ruolo di accompagnatore-soccorritore (livello base). Tre sono i compiti principali: verifica funzionale delle attrezzature, attuazione dell’attività e registrazione del servizio. Ai volontari in Servizio civile potrebbe essere richiesto anche un impegno presso la centrale operativa dell’ente. La centrale radio - telefonica ha un compito fondamentale di “interfaccia” tra coloro che richiedono il servizio (siano essi privati cittadini o enti) e la struttura organizzativa dell’associazione. L’operatore presente nella centrale operativa deve quindi apprendere e mettere in pratica una serie di protocolli comunicativi, raccogliendo tutti i dati che sono fondamentali all’effettuazione del servizio. Si prevede a tal proposito un tirocinio specifico di 30 ore, per l’attività di centrale operativa, in affiancamento agli operatori dell’ente accreditato che già svolgono tale funzione. La formazione, relativa al corretto utilizzo dei sistemi di comunicazione radio - telefonici, per l’espletamento dei Servizi di emergenza e trasporto socio-sanitario, è inclusa nella formazione specifica. Ma non sono solo questi gli ambiti in cui si può operare una volta diventati volontari. Si potrà, ad esempio prendere parte alle campagne di sensibilizzazione nelle scuole primarie e secondarie. L’attività riguarda la sensibilizzazione che mira a diffondere, nelle scuole secondarie, presso docenti e studenti, le corrette modalità di attivazione di una chiamata di soccorso e delle manovre di primo soccorso. 

L’orario di servizio è articolato sulla base di un monte orario annuale di 1.145 ore, per garantire la flessibilità oraria. L’orario sarà distribuito su cinque giorni settimanali, per un minimo di 20 ore ed un massimo di 36 ore settimanali. I turni avranno una durata (media) di cinque ore e saranno gestiti in piena autonomia da ciascuna sede locale di progetto, in base alle esigenze del progetto stesso e a quelle dei servizi ad esso collegati, nella fascia oraria compresa tra le ore 6.00 e non oltre le ore 23.00. Per ragioni specifiche, legate alle attività del progetto, motivate e comunicate con almeno una settimana di anticipo, sarà possibile richiedere all’operatore volontario in Servizio civile universale l’impiego in giornata festiva (festività nazionale o patronale), in tal caso la giornata successiva sarà sempre giornata di recupero. Per ricevere tutte le informazioni è possibile scrivere alla casella mail segreteria@crocebiancaimperia.org. 

Angela Panzera

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium