Leggi tutte le notizie di IL PUNTO DI CLAUDIO PORCHIA ›

Attualità | 16 gennaio 2021, 07:21

Sanremo: moto e MTB a Monte Bignone, al fianco del Consorzio anche un tavolo tecnico

La proposta arrivata da FdI in quarta commissione ha avuto l’approvazione anche da parte della maggioranza

Sanremo: moto e MTB a Monte Bignone, al fianco del Consorzio anche un tavolo tecnico

Non solo un regolamento, la promozione turistica, il controllo e la manutenzione. Il Consorzio Monte Bignone potrebbe avere al suo fianco anche un tavolo tecnico dedicato. La proposta è arrivata da parte di FdI durante l’ultima riunione della quarta commissione e pare abbia ricevuto l’apprezzamento anche da parte della maggioranza.

Il tavolo tecnico dedicato sarebbe composto da: due rappresentanti indicati dalle associazioni di categoria maggiormente rappresentative per il settore del commercio bici e accessori; due rappresentanti delle associazioni sportive del settore; due rappresentanti indicati dal settore ricettività cittadina; uno nominato dal sindaco per il Comune di Sanremo e individuato all’interno dell’amministrazione comunale (consigliere comunale o assessore); uno indicato dal Consorzio Forestale Monte Bignone. Il tavolo avrebbe funzioni consultive e propositive.

La proposta è stata inserita nella bozza di regolamento e sarà poi valutata prima del passaggio in consiglio comunale. L’intenzione è quella di dotare il Consorzio Monte Bignone di un supporto tecnico che possa supportarlo nell’organizzazione di iniziative anche a scopo commerciale, nella promozione e nello sviluppo del turismo legato all’outdoor.

Tra le proposte arrivate da FdI anche una riguardante il tesseramento annuale con la ‘Bignone Outdoor Card’. Inizialmente la quarta commissione aveva optato per la cifra obbligatoria di 20 euro all’anno, somma che potrebbe servire per l’organizzazione del Consorzio e per la piccola manutenzione delle zone interessate dai percorsi. L’aggiornamento proposto da FdI prevederebbe, invece, un pagamento volontario per il primo anno, da trasformare in obbligatorio dopo 12 mesi. L’intenzione è quella di fidelizzare gli amanti dell’entroterra e, nel frattempo, studiare servizi e proposte per la stagione successiva.
Ora la discussione proseguirà nelle prossime riunioni, per poi dare l’ultima parola al consiglio comunale.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

venerdì 05 marzo
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium