/ FESTIVAL DI SANREMO

FESTIVAL DI SANREMO | 13 gennaio 2021, 14:42

#sanremo2021, i pubblicitari contro la proposta di Toti su pubblico al festival: “Richiesta bislacca!”

Vicky Gitto (ADCI): “Dal Governatore ligure nota stonata. Che messaggio passa?”

Vicky Gitto

Vicky Gitto

Bislacca’. Così Vicky Gitto, presidente di ADCI, Art Directors Club Italiano - associazione che da 35 anni riunisce i migliori professionisti della pubblicità e della comunicazione - commenta la richiesta del governatore della Regione Liguria, Giovanni Toti, di tenere la platea dentro e fuori l’Ariston aperta al pubblico per l’imminente 71° edizione del Festival di Sanremo.

In un momento in cui la pandemia aggredisce, l’economia è in crisi e tutti, e nello specifico penso al mondo della cultura, spettacolo, eventi, siamo diligentemente fermi, la proposta del governatore Toti  è davvero, per utilizzare un garbato eufemismo, una nota stonata - commenta il presidente dell’Art Directors Club.

“Intanto ritengo non ve ne sia bisogno: il Festival è uno show televisivo, non teatrale, cui certamente la presenza in platea di qualche centinaio di ‘privilegiati’ non aggiunge nulla. Anzi - continua Vicky Gitto -, in quanto tale vive benissimo senza una claque e non ho dubbi che, come sempre, sarà visto e goduto da tanti milioni di italiani”.

Inoltre – prosegue il rappresentante dei pubblicitari italiani - ed è questo l’aspetto rilevante su cui il Governatore od altri improvvisati ‘direttori artistici’ dovrebbero riflettere, che messaggio passerebbe a tutti gli italiani che stanno affrontando grandi sacrifici? Che musei, cinema, teatri e tutto l’indotto debbano diligentemente, come peraltro stanno facendo, starsene chiusi e invece il Festival di Sanremo…”

È tradizione, ed è anche simpatico, che la vigilia del Festival sia caratterizzata da piccole polemiche di costume “ma questa sul pubblico presente, per quanto contingentato, vorremmo non proseguisse proprio perché l’effetto a cascata sull’opinione pubblica è davvero incoerente con quello che invece dovrebbe essere il ruolo e l’esempio dell’Istituzione regionale – chiede Gitto -. Ciascuno faccia il proprio mestiere: Toti lasci alla Rai e Amadeus, che è bravissimo e competente, fare il direttore artistico e il Governatore, come ha detto lui stesso, si concentri sulle soluzioni, anche creative se ritiene, per traghettare correttamente il suo territorio oltre questo momento brutto”.

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium