Calcio - 12 gennaio 2021, 12:00

Calcio, Sanremese. Quanto tempo occorrerà per vedere il calcio di Andreoletti?

Il tecnico lombardo è solito proporre un calcio organizzato ed esteticamente appagante, ma la realtà chiama e domenica c'è il derby contro la lanciatissima Imperia

Matteo Andreoletti intervistato

Bisogna ripercorrere con attenzione gli almanacchi matuziani, ma ciò che è certo è che Matteo Andreoletti, il nuovo tecnico della Sanremese, entra di diritto nella cerchia degli allenatori più giovani della storia biancoceleste.

Attenzione però a non farsi trarre in inganno: il tecnico classe 1989 ha già all'attivo quasi 150 panchine in serie D, divise tra Seregno e Inveruno.

Personalità e carattere non mancano, al netto del vocione e della barba, ma ciò che ha sempre contraddistinto le squadre del mister nativo di Alzano Lombardo è la chiarezza delle idee di gioco, basata su una circolazione di palla rapida, a terra, disegnata nei dettami del più classico 4-3-3.

Un meccanismo oliato a perfezione, soprattutto nella stagione 2018-2019 con i gialloblu milanesi, tanto da spingere la piccola realtà lombarda nelle zone più alte della classifica.

Un mosaico affascinante, costruito tessera dopo tessera con cura e pazienza, la situazione opposta rispetto ai venti burrascosi della Riviera.

La Sanremese ha infatti bisogno di raccogliere punti in fretta, già a partire dal sentitissimo derby contro l'Imperia.

Sarà una grande sfida di adattamento anche per Matteo Andreoletti, in una piazza di grande tradizione, divisa tra le urgenze di classifica e la propria indole nel proporre un calcio piacevole e organizzato. 

Solo il tempo potrà chiarire la bontà del matrimonio tra le due parti, ma è indubbio che già a Imperia qualche segnale sulla strada intrapresa potrebbe emergere con chiarezza.

Lorenzo Tortarolo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU