ELEZIONI COMUNE DI TAGGIA
 / Politica

Politica | 30 novembre 2020, 21:03

Sanremo: approvate le pratiche finanziarie, l'opposizione si astiene come segno di unità in un momento difficile

Le pratiche sono state approvate con i voti favorevoli della maggioranza e di astensione dell’opposizione, che ha così voluto lanciare un messaggio di unità in questo momento difficile.

Sanremo: approvate le pratiche finanziarie, l'opposizione si astiene come segno di unità in un momento difficile

L’esercizio finanziario 2020 è stato difficilissimo, si spera che sia unico nel suo genere e che da ora in poi la pandemia possa ritirare i propri effetti per tornare ad una vita normale. Difficile sarà anche l’esercizio 2021 e ovviamente nei primi mesi dell’anno porteremo in consiglio comunale il bilancio rivisto sulla base delle nuove esigenze e prospettive”. Lo ha dichiarato l’assessore al bilancio Massimo Rossano durante il consiglio comunale di Sanremo che ha affrontato la verifica degli equilibri di bilancio e la variazione della previsione 2020/2021/2022. Entrambe le pratiche sono state approvate con i voti favorevoli della maggioranza e di astensione dell’opposizione, che ha così voluto lanciare un messaggio di unità in questo momento difficile.

Andiamo a fare due passaggi fondamentali – ha detto Rossano – In questi ultimi due mesi abbiamo appurato come gli equilibri potessero essere determinati affrontando una serie di variazioni che ammontano a 967 mila euro derivati dall’utilizzo dell’avanzo. Il Comune ha registrato minori entrate per 16 milioni di euro, parzialmente ristorate dallo Stato nella misura di 8,8 milioni. Si può quindi capire la grande difficoltà nell’affrontare questa situazione di bilancio. Devo quindi ringraziare gli uffici che hanno lavorato per ottenere un elaborato prudente ma sicuro. Questa è la rassicurazione che vogliamo dare ai consiglieri comunali e a tutta la cittadinanza. Delicato è poi il rapporto con il Casinò, per il quale il Comune ha azzerato la propria percentuale, del 16-18%, degli introiti del casinò, facendo quindi in modo che tutti gli incassi vengano mantenuti dalla casa da gioco per evitare che la società vada in perdita. Ci sono state poi molte minori entrate da Imu per 320 mila euro, Tosap e affissioni  520 mila, tassa di soggiorno 300 mila, parcheggi 1,6 milioni, rette scolastiche 750 mila, oneri di urbanizzazione 3 milioni. Questo fa capire come la pandemia si sia sviluppata e le sue conseguenze economiche”.

La capacità di pagare le tasse delle persone sarà condizionata dagli effettui della pandemia – è intervenuto il capogruppo di Forza Italia Simone Baggioli Il nostro è un territorio che vive di turismo e di accoglienza. Per quel che riguarda il casinò, la diminuzione degli introiti non va di pari passo con i costi dei dipendenti, che sono stati messi in cassa integrazione, quindi va ad incidere solo sui costi fissi. In questi 7 anni di Amministrazione Biancheri si è però perso il polso su questioni che riguardano lo sviluppo tecnologico della casa da gioco. Spero infine che con questa difficile situazione legata alla pandemia, possa migliorare il rapporto tra il Comune e le sue società partecipate, modificando il sistema di gestione e di sviluppo”.

Nonostante la coperta sia corta, i piedi ce li dobbiamo coprire altrimenti il Comune si può prendere una polmonite – ha detto Andrea Artioli di Liguria Popolare – Ringrazio l’assessore Donzella  per le scelte importanti sulle opere che saranno comunque portare a termine come la strada per Verezzo. Per quel che riguarda la pratica finanziaria, il fatto che l’opposizione si astenga, conferma come sia un’opposizione responsabile e dia il proprio contributo concreto all’amministrazione della città. Sarebbe però corretto che, in un momento di crisi, non ci fosse un atto di fede ma una compartecipazione a monte su quelli che sarebbero potuti essere gli interventi da fare e sulle alternative. Le scelte mi trovano d’accordo, quindi la mia non è una critica di merito, ma di metodo. Posso però dire che non è possibile che il rendimento dell’ufficio che si occupa degli oneri di urbanizzazione sia in discesa. L’assessore Donzella si era già dovuto inventare un meccanismo per migliorarne il funzionamento, chapeau a lui, ma serve una riorganizzazione complessiva. Per quel che riguarda il casinò rilevo come siamo molto indietro per il gioco on line”.

La parola è poi passata alla Lega con il capogruppo Daniele Ventimiglia. “In questo momento storico forse nessuno di noi avrebbe voluto fare l’assessore al bilancio – ha dichiarato – Sarebbe comunque meglio nel futuro una maggiore partecipazione su questioni particolarmente importanti. Quelli che ha illustrato l’assessore Rossano sono numeri impressionanti e fanno rabbrividire, basti pensare ai meno 16 milioni nelle casse del Comune, dei quali solo 8,8 milioni coperti dal Governo centrale come ristoro. E’ possibile questo ? Bisogna farsi sentire per ricevere qualcosa di più. Gli oneri di urbanizzazione sono tre anni che vedono una discesa verso il basso. Valuto invece positivamente come nella variazione del piano trinenale delle opere amministrazione si abbia avuto coraggio di mantenere gli interventi su strada Verezzo, sono infatti contento che venga riconosciuta a quella zona l’importanza che merita”.

Per la maggioranza ha parlato invece il consigliere Mario Robaldo. “Qui si sono dovuti fare davvero i salti mortali per i quali ringrazio tutti coloro che hanno lavorato – ha detto – Non sarà facile affrontare il prossimo anno con queste penurie di soldi. Quando abbiamo deciso di mettere in vendita Casa Serena, è stato proprio perché si sapeva che si sarebbe arrivati a questo punto. Concordo con quello che ha affermato il consigliere Ventimiglia, è però giusto ricordare che anche con il Governo precedente, con la maggioranza giallo verde, avevamo chiesto che si potesse tenere in casa il provento dell’Imu dei cittadini di Sanremo che avrebbe potuto aiutare il bilancio. Cos’ non è stato. Non è quindi il problema di un Governo o dell’altro, ma forse che questo angolo di Liguria viene spesso dimenticato”.

In chiusura è intervenuto il consigliere Umberto Bellini: "E’ giunto il momento di rivedere bilancio di Sanremo con ricognizione dei capitoli di spesa per andare ad individuare i punti dove risparmiare e pensare anche alla ricerca di finanziamenti europei” ha detto.

 

Federico Marchi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium