/ Attualità

Attualità | 29 novembre 2020, 20:58

Covid in Liguria: Toti punta sulle zone bianche "A Natale più liberi e a gennaio qualche sacrificio"

"Domani faremo le nostre proposte al Governo per vedere come affrontare queste giornate di Natale e poi tra martedì e mercoledì usciranno le nuove regole del Governo, sapremo cosa potremo o non potremo fare".

Covid in Liguria: Toti punta sulle zone bianche "A Natale più liberi e a gennaio qualche sacrificio"

"Domani faremo le nostre proposte al Governo per vedere come affrontare queste giornate di Natale e poi tra martedì e mercoledì usciranno le nuove regole del Governo, sapremo cosa potremo o non potremo fare". 

Questo quanto anticipato dal presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, nel consueto punto stampa sulla diffusione del Covid. Il tema dei prossimi giorni saranno soprattutto le nuove misure che determineranno come passeremo il periodo di festività natalizie. 

"Riteniamo che debba essere un natale prudente ma se sarà possibile e dove sarà possibile, poter fare qualcosa in più. In tutta Europa, stanno ripartendo. Occorre certamente prudenza ma le giornate del Natale sono cruciali per la nostra economia e i nostri rapporti sociali" - spiega Toti. 

Domani alle 17 ci sarà la conferenza delle regioni, anticamera del confronto con il Governo per avanzare poi richieste sull'imminente DPCM che il premier Giuseppe Conte andrà a firmare entro i prossimi giorni. "Ho già proposto al governo che è giusto mantenere una diversificazione dei territori perchè è giusto che ci siano territori che soffrono di più e stiano più attenti e territori dove invece la situazione va meglio e se i cittadini saranno attenti, ci sia un po' più di libertà. - sottolinea Toti - Potremo inserire anche un'area bianca, oltre a quella gialla, arancione e rossa, dove ci siano ulteriori libertà per i cittadini: penso a ristoranti, pasticcerie, bar aperti fino a certa ora, la sera e a qualche altra piccola libertà che ci possiamo permettere dove il Covid ce lo consente. Questo sarà il tema dei prossimi giorni". 

"Ne parleremo con il Governo e vedremo quali sono le loro intenzioni. - prosegue - Credo sia più opportuno consentire un natale un pochino più libero. Se dovremo fare un sacrificio lo faremo a gennaio. Insomma un po' più di libertà per quanto possibile e compatibile con il mondo che ci circonda la concederei, salvo poi sapere che se a gennaio dovremo fare qualche sacrificio in più, lo faremo. Con il Covid dovremo convivere tutta la primavera quindi bene questa formula del 'ferma e riparti' e riuscire a mantenere un equilibrio tra il benessere economico possibile in questa situazione difficile per la maggior parte dei cittadini e il contenimento del virus". 

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium