/ Cronaca

Cronaca | 26 novembre 2020, 16:02

Truffe in tutta Italia con Sms e telefonate 'tarocche': banda sgominata dalla Polizia Postale di Genova

Le frodi variano dai 300 ai 55mila euro a persona, per un totale delle truffe che ammonta a circa 300mila euro.

Truffe in tutta Italia con Sms e telefonate 'tarocche': banda sgominata dalla Polizia Postale di Genova

La Polizia Postale di Genova ha sgominato una banda che, con sms sui telefoni dei correntisti delle banche di tutta Italia e attraverso un link riuscivano a svuotarne i conti.

Lo scrive l’agenzia Ansa che conferma come, nell'inchiesta ci siano circa 50 persone indagate, dietro le quali secondo gli investigatori ci sarebbe la camorra anche in funzione del fatto che la ‘regia’ è stata trovata in Campania. La Postale ha eseguito una serie di intercettazioni telefoniche mentre le frodi hanno visto un forte aumento nel periodo del lockdown.

Proprio nelle intercettazioni i truffatori insultavano alla fine della chiamata le vittime con affermazioni del tipo: ‘Ti abbiamo fregato’ e ‘Sei stato un ciambellone’. Le frodi variano dai 300 ai 55mila euro a persona, per un totale delle truffe che ammonta a circa 300mila euro.

I correntisti vengono truffati con i sistemi denominati Smishing e Vishing. Nel primo caso vengono inviate comunicazioni che sembrano arrivare dalla propria banca e invitano il truffato ad accedere al proprio conto on-line con un link. Tra l’altro gli sms fasulli si inseriscono sul cellulare in coda ad altri ricevuti regolarmente dalla banca, traendo in inganno.

La seconda frode vede il contatto della potenziale vittima con una telefonata: un finto operatore, con diversi raggiri persuade il malcapitato a fornire i codici dispositivi del proprio rapporto finanziario. E i malfattori riescono a far sembrare alle vittime che le chiamate arrivino proprio dal numero della propria banca.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium