/ Cronaca

Cronaca | 28 ottobre 2020, 13:53

Protesta in Piazza De Ferrari a Genova per disposizioni anticovid: "Vogliamo risposte da Regione e Comune!" (Foto e Video)

Durante la manifestazione una delegazione di dimostranti ha incontrato Toti sotto il palazzo della Regione

Protesta in Piazza De Ferrari a Genova per disposizioni anticovid: "Vogliamo risposte da Regione e Comune!" (Foto e Video)

Questa mattina, in piazza De Ferrari a Genova, è scattata la protesta di cittadini e commercianti per le norme anticovid: i manifestanti chiedono alle istituzioni di intervenire per garantire le necessarie misure di sostegno a coloro che non riescono a potare avanti le proprie imprese o che sono rimasti senza stipendio. 

Presenti in piazza, quasi tutti in possesso della mascherina, tanti lavoratori ed esercenti della ristorazione, ma anche gestori di palestre e strutture sportive, oltre a semplici cittadini.

Una delegazione di manifestanti ha incontrato il presidente della Regione Giovanni Toti sotto il palazzo dell'ente in piazza De Ferrari per chiedergli sostegno e risposte al pesante disagio economico e all'incertezza che preoccupa tanti.

La diretta della manifestazione:

Durante la protesta per le disposizioni anticovid in Piazza De Ferrari a Genova, i manifestanti hanno incontrato il presidente Giovanni Toti sotto il palazzo della Regione Liguria, esponendo le loro perplessità e chiedendo risposte concrete.

"La mia idea è quella di dare i soldi ai Comuni, in modo che vi possano fare tutti gli sgravi fiscali possibili - ha spiegato il presidente della Regione -. C'è ancora un po' di spazio nel fondo rotativo regionale sulla liquidità fatto con il sistema bancario: chi ha diritto al ristoro del Governo teoricamente può accedere al fondo rotativo nostro in caso di ritardi".

"La situazione non è facile, ma stiamo studiando con Anci un protocollo per aiutare gli esercenti su suolo pubblico, Tari e Imu per i locali: se i Comuni tagliano le tasse l'ente che presiedo può rimborsarne un pezzo - ha aggiunto Toti -. Ora l'importante è riuscire a riaprire tutto e consentire alle persone di tornare a lavorare, abbiamo rotto le scatole per mediare sulla chiusura alle 22.00, ma non c'è stato verso. Occorre comunque ridurre la curva del contagio, perché il tema esiste".

Il confronto fra Toti e alcuni esercenti:

Le interviste:

Carlo Ramoino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium