/ Al Direttore

Al Direttore | 25 ottobre 2020, 19:28

Ultimo Dpcm del Governo, alcune considerazione della lettrice Teresa Barazzetti

"Il contagio va contenuto, non c'è dubbio alcuno su questo, ma c'è modo e modo, e quello adottato da questo sconsigliato Consiglio, non è che un tentativo approssimativo che colpisce obiettivi sbagliati"

Ultimo Dpcm del Governo, alcune considerazione della lettrice Teresa Barazzetti

"Errare è umano; perseverare è diabolico... ricorderà, Egregio Direttore, questa citazione ben presente nella mia precedente nella quale era ben chiaro quale errore fosse stato riaprire le scuole senza una lucida e coerente valutazione del rischio contagio che questo avrebbe comportato. Le conseguenze le abbiamo viste e continuiamo a vederle poiché, anche oggi, si ha notizia di nuovi contagi, mentre il trasporto pubblico è sempre inadatto al distanziamento e gli spostamenti di alunni e accompagnatori non fanno che rendere più precaria la situazione.

Riaprire le Scuole è stato un errore, ma il Consiglio dei Ministri capeggiato dal Suo Presidente decide, parla, scrive, senza una minima presa di coscienza della realtà, quella vera, non quella che vorrebbero fosse, soprattutto per dimostrare di avere ragione! Gli alunni siedono al loro posto nel banco, mentre il ricambio d'aria è garantito dalle finestre spalancate. Data la stagione autunnale ormai inoltrata, le temperature non sono più così miti da consentire agli alunni di stare fermi per molto tempo senza risentirne. L'unico rimedio è quello di contare su un abbigliamento già invernale, ma questo non può del tutto proteggere da uno stato di progressivo raffreddamento che certo non può fare altro che rendere più fragili le difese immunitarie degli studenti.

Chiedo che qualcuno, magari il Presidente Toti, provveda ad informare il Presidente del Consiglio ed i suoi Ministri che, prima di decidere della vita dei cittadini: bambini, ragazzi o adulti, ‘mettano in funzione il cervello’, cosa che, normalmente induce ad usare il buon senso. Non vedo però alcun buon senso nella inutile e deleteria chiusura di Palestre e Piscine e spiego anche il perchè, considerato che da soli non ci sono arrivati.

Malgrado io segua attentamente le notizie pubblicate sul quotidiano locale Sanremo News, a tutt'oggi non ho letto alcuna notizia su eventuali contagi avvenuti in Palestre o Piscine mentre, anche oggi, è segnalato un contagio in una Scuola. La pratica di uno Sport è universalmente riconosciuta come complementare all'educazione degli studenti, in quanto ‘allena il corpo’ così come lo studio fa con la mente. ‘Mens sana in corpore sano’, notissima sentenza tratta da un verso di Giovenale, dovrebbe far riflettere coloro che sentenziano, decidono e scrivono, senza valutare la situazione in atto e discernere dove e come, limitare.

Il contagio va contenuto, non c'è dubbio alcuno su questo, ma c'è modo e modo, e quello adottato da questo sconsigliato Consiglio, non è che un tentativo approssimativo che colpisce obiettivi sbagliati. Ne prendano atto coloro che trascorrono giorni e notti a discutere e decidere, perché il contagio continuerà a diffondersi nelle Scuole (malgrado il sorriso rosso fuoco della Ministra), ma continuerà a far salve le Palestre, le Piscine, i locali dove ancora vigono le regole già emanate e ampiamente rispettate; non ammorberà cinema e teatri perché sono luoghi ampi e il distanziamento è garantito dallo scaglionamento delle poltrone: e non si diffonderà come una nebbia malefica neppure nei GRANDI Centri Commerciali nei quali, mi chiedo, questi Consiglieri, Ministri ecc. sono mai stati? Temo di no, perchè se così fosse si renderebbero conto di quanto SONO AMPI gli spazi di cui dispongono e dove gli assembramenti tanto temuti potrebbero verificarsi soltanto alle casse, dove però ci sono adesivi sul pavimento che regolano l'afflusso e garantiscono il distanziamento. Ricordo a questi Signori, che durante la stagione estiva, gli anziani vengono esortati ed invitati a soggiornare negli ampi spazi dei ‘diabolici’ Centri Commerciali dotati di aria condizionata, per dare loro sollievo nelle ore più calde della giornata! Questi luoghi non costituiscono un pericolo di contagio, soltanto un pericolo per chi possiede Carte di Credito!

Nell'ultimo DPCM il Presidente fa sfoggio di molta teoria e molto paternalismo, ma senza tener conto che la vita vera, quella che i cittadini masticano faticosamente giorno dopo giorno, non abita nei Palazzi del Governo, che mette paletti e limiti ad esistenze già molto provate, alle quali, con il virus che viene usato tirandolo di qua e di là ‘ad usum delphini’ e non vado oltre per non concludere la frase in modo irriverente, non si può limitare anche ciò che è ragionevole: e in quest'ultimo parto, la montagna ha partorito il topolino!

A proposito, avete capito perché nelle Piscine e nelle Palestre già sanificate, ad oggi non risultano avvenuti contagi? La risposta è: perchè in questi luoghi i ragazzi sono accompagnati in auto dai genitori, oppure vengono raggiunti in autonomia con moto, motorini e scooter e quindi NON SI SERVONO DEI MEZZI PUBBLICI che purtroppo, come le Scuole, ‘sono focolai’ malgrado l'opinione della Signora in Rosso!

Cordiali Saluti.
Teresa Barazzetti".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium