/ Cronaca

Cronaca | 23 ottobre 2020, 08:03

Giocavano online centinaia di migliaia di euro, ma percepivano il reddito di cittadinanza, scoperti dalla guardia di finanza di Imperia

Tra gli indagati, un uomo di 59 anni di Ventimiglia che dichiarava una giacenza media sul conto per 242 euro, che ha giocato somme per oltre 1,6 milioni di euro. Una donna di Diano Marina ha giocato per 960mila euro. Una donna di Ventimiglia aveva vinto oltre 170mila euro

Giocavano online centinaia di migliaia di euro, ma percepivano il reddito di cittadinanza, scoperti dalla guardia di finanza di Imperia

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Imperia, coordinati dal Dr. Alberto   Lari,  Procuratore   della   Repubblica   di   Imperia,   e   diretti   dalla   Dr.ssa   Barbara   Bresci, Sostituto Procuratore, hanno scoperto 20 persone, tutte residenti in provincia che, tra il 2019 ed il 2020, simulando uno stato di indigenza economica, hanno indebitamente percepito il Reddito di Cittadinanza, per un importo complessivo di oltre 160.000 euro.

Nelle autodichiarazioni necessarie a richiedere il beneficio patrimoniale all’I.N.P.S., gli indagati avevano indicato di non avere disponibilità economiche sui propri conti correnti, risultando però tutti accaniti giocatori sulle varie piattaforme di gioco on-line, arrivando a giocare addirittura diverse centinaia di migliaia di euro, utilizzando fonti di reddito evidentemente occultate al Fisco.

Le Fiamme Gialle di Imperia, attraverso il mirato utilizzo delle banche dati in uso e i necessari riscontri, hanno analizzato la posizione di migliaia di percettori del Reddito di Cittadinanza in provincia, individuando 20 soggetti i quali, nonostante avessero indicato giacenze medie sui propri conti correnti del tutto irrisorie (in alcuni casi anche di poche decine di euro), prospettando quindi una situazione patrimoniale familiare di sostanziale indigenza, erano tutti titolari di conti gioco online, utilizzati   assiduamente   sia   per   giocare   che   per   scommettere   (poker,   giochi   da   tavolo, scommesse sportive, tombola e bingo).

Gli indagati alimentavano i propri conti gioco mediante ricariche di denaro in contanti o bonifici/giroconti direttamente dai propri conti correnti personali o da carte di credito ricaricabili. Appaiono emblematici, a titolo di esempio, i casi di:

-un uomo di 59 anni di Ventimiglia il quale, pur avendo dichiarato di avere una giacenza media sul proprio conto corrente nel 2018 di 242 euro, tra il 2017 ed il 2020 ha giocato somme per oltre 1,6 milioni di euro, percependo, per tutto il 2019, circa 600 euro mensili come sostegno alla povertà;

-una donna di 44 anni di Diano Marina la quale, pur avendo dichiarato, nel 2018, una giacenza media sul proprio conto corrente di 117 euro, tra il 2017 ed il 2020 ha giocato somme per oltre 960 mila di euro, percependo, da maggio 2019 a settembre 2020, circa 23.000 euro di Reddito di Cittadinanza;

-una donna di 61 anni di Ventimiglia che, oltre ad essere anch’essa assidua giocatrice on-line, con vincite realizzate per oltre 170 mila euro tra il 2017 ed il 2020, ha simulato, in concorso con il marito, una variazione dello stato di famiglia in modo da poter dichiarare, al fine di percepire il reddito di cittadinanza, di vivere da sola, evitando così fraudolentemente di palesare tra le entrate familiari la pensione del marito.

Nei   confronti   degli   indagati   il   Giudice   per   le   Indagini   Preliminari   del   Tribunale   di   Imperia, recependo   appieno   le   ipotesi   investigative   prospettate   dal  Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Imperia, ha emesso un Decreto di Sequestro Preventivo, tuttora in corso di esecuzione, delle somme indebitamente percepite dagli indagati, che ora rischiano una pena da due a sei anni di reclusione, per aver reso dichiarazioni false e per aver attestato circostanze non veritiere al fine di ottenere indebitamente il beneficio del Reddito di Cittadinanza.

Tutte le posizioni illecite sono state inoltre state segnalate all’I.N.P.S. per la revoca del beneficio economico in questione. Il Reddito di Cittadinanza rappresenta un sostegno per quanti hanno concretamente bisogno diassistenza, motivo per il quale il Corpo è impegnato in prima linea a contrastare fenomeni di indebito accesso allo specifico beneficio. L’operazione   testimonia,   infine,   l’impegno   costante   della  Guardia di Finanza  a   tutela dell’economia, attività sempre più importante anche alla luce del difficile momento causato dall’emergenza epidemiologica in corso.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium