/ Cronaca

Cronaca | 23 ottobre 2020, 19:01

Covid nel Principato di Monaco: no al coprifuoco ma locali chiusi a tarda sera e Casinò vietato da mezzanotte

E' stata scongiurata l'ipotesi coprifuoco anche se il principato da domani, sabato 24 ottobre e fino al 1° dicembre, applicherà importanti restrizioni sugli orari serali.

Covid nel Principato di Monaco: no al coprifuoco ma locali chiusi a tarda sera e Casinò vietato da mezzanotte

Questa sera, Pierre Dartout, il Ministro di Stato del Principato di Monaco ha annunciato le nuove misure anti Covid. E' stata scongiurata l'ipotesi coprifuoco anche se il principato da domani, sabato 24 ottobre e fino al 1° dicembre, applicherà importanti restrizioni sugli orari serali.

Bar e ristoranti dovranno chiudere alle 23.30 e l'accesso al Casinò sarà vietato dalla mezzanotte. Oltre a questo, per chi vorrà cenare fuori casa sarà richiesta la prenotazione e i locali non potranno accettare più di 6 ospiti per tavolo, rispetto ai 10 attualmente previsti. Infine viene cancellata la consumazione in piedi. 

I nuovi provvedimenti interverranno anche sullo sport. Sono sospesi tutte le discipline da contatto, le trasferte nel settore dilettantistico non previste nei campionati o nell'ambito di fasi di qualificazione. Infine per quanto riguarda i trasporti, verrà limitato il numero di passeggeri a bordo ma sarà aumentato il numero di corse per compensare le limitazioni. 

Il capo di governo del principato, ha spiegato che queste misure si adattano all'attuale tasso di incidenza del Covid sul Principato. Su Monaco, la situazione è tutto sommato meno preoccupante rispetto alla vicina Francia. Sulla base di questo indicatore il Governo del Principato ha preferito non adottare il coprifuoco in questa fase.

"Alcune di queste misure avranno un potenziale impatto sulla nostra economia. Vogliamo che sia il più limitato possibile. A nome del Governo, voglio sottolineare il fatto che siamo stati, siamo e saremo sempre al fianco di imprenditori e dipenden ti. - ha rimarcato Pierre Dartout - Stiamo ovviamente mantenendo misure di sostegno come il CTTR (Chômage Total Temporaire Renforcé) e le riduzioni dei contributi sociali. E naturalmente, come sapete, il governo del Principato sta mettendo in atto un ambizioso piano di ripresa per 75 milioni di euro, approvato dal Consiglio nazionale, per sostenere la nostra economia. Queste misure saranno soggette a valutazione continua. Eventuali nuove misure che potrebbero essere necessarie saranno sottoposte al Principe".

Inoltre, il governo del Principato sconsiglia i viaggi non necessari all'estero a maggior ragione in quelle che sono considerate zone fortemente colpite dal virus. Il Ministro di Stato ha sottolineato come ci debba essere una maggiore attenzione anche all'interno dell'ambito famigliare, considerando che su Monaco, un contagio su due si verifica proprio tra le mura domestiche, durante incontri con parenti o la cerchia stretta dei nostri conoscenti. Quindi l'invito ulteriore è a rispettare le normali misure di prevenzione anti Covid a partire dall'uso della mascherina ed evitare incontri con molte persone.

L'ultima analisi fatta da Pierre Dartout riguarda i lavoratori. Le misure generali di coprifuoco, dalle 21 alle 6, nelle Alpi Marittime e nel Var possono interessare molte persone che devono raggiungere il luogo di lavoro. Per chi dovrà spostarsi in quelle zone per andare al lavoro, durante l'orario interdetto, si dovrà dotare del certificato di viaggio messo a disposizione dal governo francese. 

"Questi sforzi aggiuntivi mirano anche a proteggere la nostra infrastruttura ospedaliera e di assistenza ai pazienti in città. Dall'inizio della crisi, la nostra politica sanitaria ci ha permesso di garantire una risposta efficace evitando la congestione delle strutture sanitarie. - ha concluso Pierre Dartout - Siamo tutti protagonisti nella lotta a questa malattia. Continuiamo quello che l'intera comunità nazionale ha fatto finora così bene. Manteniamo alta la nostra vigilanza per mantenere una vita il più normale possibile". 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium