/ Economia

Economia | 15 ottobre 2020, 07:30

VAL Srl: a Cenesi un'azienda che vi guiderà allo smaltimento dei vostri materiali di lavorazione

Quando si svolge un lavoro di tipo edile è sempre meglio affidarsi a una ditta specializzata, con anni di esperienza nel settore e in grado di offrire la giusta consulenza nelle operazioni di smaltimento

VAL Srl: a Cenesi un'azienda che vi guiderà allo smaltimento dei vostri materiali di lavorazione

Una sempre maggiore attenzione all’ambiente e alla tutela del territorio ha fatto sì che in anni recenti lo smaltimento di certe tipologie di materiali di lavorazione non sia più una “giungla”, come avveniva un tempo, ma sia regolamentato da normative ben precise, ferree e dettagliate. Trascurare queste regole, perché non si conoscono o deliberatamente per noncuranza, può portare a sanzioni anche gravi.

Per questo quando si svolge un lavoro di tipo edile è sempre meglio affidarsi a una ditta specializzata, con anni di esperienza nel settore e in grado di offrire la giusta consulenza nelle operazioni di smaltimento.

Noi abbiamo approfondito l’argomento con VAL Srl (Valorizzazione Ambientale Ligure), ditta specializzata con sede nella frazione di Cenesi a Cisano sul Neva. Essa rientra nel novero delle aziende riconosciute dall’Albo Gestori Ambientali, in linea con quanto previsto dalle norme europee. Inoltre anche gli impianti devono essere opportunamente registrati presso enti locali, nel caso di VAL ciò avviene presso la Provincia di Savona.

Lo staff della sede di Cenesi, composto da Sergio, Marco e Federico, ci ha guidato con competenza e disponibilità nel campo delle normative di smaltimento.

Oggi è importante che ogni materiale sia tracciato nel suo iter dallo smaltimento alla nuova vita (nello specifico VAL si occupa della ricostruzione della collina di Cenesi un tempo”mangiata” dallo sfruttamento di una cava di tufo). L’impianto cisanese gestisce le seguenti tipologie di materiali, individuati e caratterizzati da specifici codici europei, i famosi codici CER (Catalogo Europeo dei Rifiuti)

 

170904: rifiuti da attività di costruzione e demolizione (diversi da quelli con codice 170901, 170902 e 170903);

170101: cemento;

170103: mattonelle e ceramiche;

170107: miscugli o frazioni separate di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche (diverse rispetto alla voce 170106);

170102: mattoni;

170504: terra e rocce.

In allegato in questo articolo si può trovare la modulistica necessaria a dare “identità” al rifiuto: chi lo produce, chi lo trasporta, tipologia e caratteristiche del rifiuto trasportato, dove verrà conferito, dove e quando parte dal cantiere, dove e quando arriva all’area di conferimento, la quantità (in litri o ettolitri in caso di liquidi, in chilogrammi, quintali o tonnellate nel caso di solidi).

Talvolta un privato pensa che sia sufficiente avere un furgoncino o un mezzo da trasporto, di proprietà o a noleggio, per smaltire i rifiuti dei propri lavori di casa. Non è così. Anche il trasporto deve rispettare determinati ACCORGIMENTI, nel senso che anche il veicolo utilizzato deve essere adeguato e autorizzato. Gesti frettolosi o improvvisati possono portare a sanzioni molto severe, non solo pecuniarie, che possono arrivare al sequestro del mezzo (o di più mezzi adoperati) e la sospensione della patente per il guidatore.

Per questo chiunque stia per affrontare opere di ristrutturazione della propria casa non può pensare di smaltire “fai da te” me deve affidarsi a una ditta specializzata,che gli garantisca il corretto smaltimento e gli eviti il conivolgimento in sanzioni che possono anche avere risvolti penali.

A tal fine VAL S.rl. opera in sinergia con altre societò del gruppo, tra cui Servizi Ecologici, con sede a Finale Ligure, che affianca le imprese edili nelle opere di smaltimento.

Tornando al lavoro svolto da VAL Srl, essa oltre a occuparsi di smaltimento e abbancamento relativamente ai codici sopraelencati, ha ormai sviluppato negli anni un ottimo rapporto di dialogo e di fiducia con la propria clientela: esso si traduce in una “guida” al nuovo cliente per verificare che esso sia in regola con tutte le normative e la modulistica di cui parlavamo all’inizio, mentre con i clienti di lunga data verifica che siano stati effettuati i rinnovi delle idoneità necessarie (in genere la scadenza è annuale e ricorre il 30 aprile). Tutto ciò può essere verificato da VAL attraverso l’accesso ai portali autorizzati.

Particolare attenzione è riposta in quelli che vengono chiamati “codici a specchio” (come il 170904 o il 170107) rifiuti speciali, non pericolosi, ma per definizione “misti” ovvero contenenti componenti di diversa struttura e dimensione, materiale di demolizione non selezionati. A tal proposito è bene ricordare che fino a qualche anno fa prima di smaltire tali materiali era obbligatoria una “analisi di idoneità” al fine di verificare la conformità e la non pericolosità del conferito, successivamente, per facilitare il lavoro degli “smaltitori occasionali”, del privato o di chi sta effettuando piccoli lavori di ristrutturazione in casa, la Regione Liguria ha emanato una legge regionale che per quantitativi inferiori a 50 TONNELLATE l’analisi può essere sostituita da una autocertificazione nella quale si attesta che il materiale è stato “pulito” da frammenti di altre tipologie (come vetro, ferro, legno o altro).

ATTENZIONE, però: il codice CER 170504 Terra e Rocce da scavo richiede SEMPRE l’analisi. Essa si articola in due prove, la prima attesta che il materiale non è pericoloso e che l’assegnazione del codice è corretta, la seconda, chiamata “test di cessione”, conferma che si sta rispettando l’idoneità alle norme che regolamentano gli impianti di conferimento e recupero.

In allegato è visibile e scaricabile la modulistica. Per chi volesse saperne di più:

VAL srl, Località Cenesi – 17035 Cisano sul Neva – Orari 8:00-12:00 e 13.30 – 17.30 dal lunedì al venerdì - TEL 0182.586285 - FAX 0182.589708 – www.valcenesi.it – e-mail: valcenesi@gmail.com



Files:
 Formulario Identificazione Rifiuto (186 kB)
 Autocertificazione per conferimento CER 170904 170107 fino a 50 tonn (345 kB)

Ip

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium