/ Sport

Sport | 29 settembre 2020, 18:12

Esordio amaro per la Pallamano Ventimiglia nel campionato Eccellenza, frontalieri battuti dal Monaco

Il doppio salto di categoria è stato netto e per la squadra di Malatino e M'Bouta, le difficoltà dell'incontro sono parse subito evidenti.

Esordio amaro per la Pallamano Ventimiglia nel campionato Eccellenza, frontalieri battuti dal Monaco

Esordio sfortunato per la Pallamano Ventimiglia nel campionato Paca di Eccellenza, dove i ponentini sono alla loro prima esperienza, dopo aver vinto due campionati di seguito, nelle stagioni precedenti.

In una giornata caratterizzata dall'atmosfera particolare di questi giorni, nel rispetto stretto delle norme anti covid, le compagini della Pallamano Ventimiglia e dell'ASH Monaco, si sono affrontate sabato al 'Palaroya' di Roverino, dando vita ad un incontro molto equilibrato e ricco di pathos.

Il doppio salto di categoria è stato netto e per la squadra di Malatino e M'Bouta, le difficoltà dell'incontro sono parse subito evidenti. Nel primo tempo, comunque, il Ventimiglia ha dato il meglio di sé con giocate corali e spettacolari e, al riposo, il vantaggio di due reti 18-16, lasciava ben sperare.

Nella ripresa la musica non è cambiata, il Ventimiglia sempre in vantaggio e il Monaco a ribattere colpo su colpo. Un calo di concentrazione nel finale ha permesso ai monegaschi di tirare la testa avanti, complice della situazione, anche gli errori di tiro dei locali. Alla fine i ragazzi del Principato si sono aggiudicati l'incontro con il punteggio di 32-30.

Abbiamo molto da recriminare - ha dichiarato Pippo Malatino a fine gara - troppi errori in fase di tiro, nel momento decisivo del match, ci hanno condannato alla sconfitta. Non ci è sembrato di essere inferiori ai nostri amici di Monaco, la differenza l'ha fatta la mancanza di precisione nel finale e anche un po' di sfortuna. Proveremo a rifarci alla prossima partita, che giocheremo domenica a Saint Martin du Var. Il salto di categoria è chiaro, le partite di quest'anno, si devono giocare dal primo minuto all'ultimo, con la giusta concentrazione e determinazione. Una lezione che potrà essere utile per il nostro futuro”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium