/ Attualità

Attualità | 15 settembre 2020, 14:46

Taggia, acqua non potabile nella zona a nord del cimitero: resta in vigore l'ordinanza che ne vieta l'uso

Il sindaco Conio comunica che ancora non sono giunte le analisi di verifica sullo stato delle acque del Tuvi. Inoltre, il primo cittadino scriverà al Prefetto e ha già convocato Rivieracqua per fare il punto sugli interventi

Taggia, acqua non potabile nella zona a nord del cimitero: resta in vigore l'ordinanza che ne vieta l'uso

 

"Purtroppo ad oggi non sono ancora giunte le analisi di verifica sullo stato delle acque dell’acquedotto Tuvi. Non sono quindi ancora in grado di revocare l’ordinanza di non potabilità, cosa che spero di poter fare domani". Lo ha scritto sulla propria pagina social il sindaco di Taggia, Mario Conio. 

Nei giorni scorsi il primo cittadino aveva reso noto che l'Asl 1 imperiese ha informato il comune che alcuni parametri biologici dell’acqua proveniente dalle vasche poste in Regione Tuvi erano fuori norma. Per questo motivo, il sindaco Conio, ha emesso provvedimento che ordina il divieto di utilizzo dell’acqua ad uso alimentare se non previa bollitura. L'ordinanza, ancora quindi in vigore,  riguarda esclusivamente le abitazioni e attività commerciali poste a nord del cimitero comunale. Arma e Levà restano escluse dal provvedimento. 

"Nelle prossime ore scriverò al Prefetto, continua Conio, per sottolineare l’importante di avere garantito un servizio analisi sette giorni su sette, almeno in casi di questa urgenza.Oggi inoltre, ho convocato la società Rivieracqua per comprendere quali interventi siano necessari per evitare il ripetersi del problema che, troppe volte negli ultimi mesi si è ripetuto".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium